Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Brad-Smith-a-Rainews24-intervista-presidente-microsoft-incontro-con-Papa-Francesco-e-sfide-del-lavoro-ebcbe106-6b99-4d3f-b0a8-2cdfee864bd2.html | rainews/live/ | true
TECH

Il presidente di Microsoft in visita in Italia

Brad Smith a Rainews24: "La tecnologia ha bisogno di etica e di investimenti in formazione"

Un incontro in Vaticano apre possibili collaborazioni tra il colosso della tecnologia e la Santa Sede sui temi dell'etica nello sviluppo dell'intelligenza artificiale. La giornata del presidente di Microsoft in Italia si era aperta a Milano con la presentazione di un progetto di formazione per gli studenti in collaborazione con la Fondazione Mondo digitale e il rinnovo della collaborazione con il Politecnico di Milano per la formazione di Data scientist 

Condividi
E’ il prima volta che il presidente di Microsoft, Brad Smith, viene ricevuto in Vaticano. L'impatto etico dell'Intelligenza artificiale e il divario digitale sono stati al centro di un colloquio privato con Papa Francesco. Smith era accompagnato dal presidente della Pontificia Accademia per la Vita, l'arcivescovo Vincenzo Paglia.

"Responsabilità condivisa"
"Nelle mani sbagliate - ha spiegato Smith - ogni strumento può diventare un'arma se la potenza organizzativa dell'umanità non riesce a tenere il passo con la tecnologia stessa. Per garantire che le persone abbiano fiducia nella tecnologia dobbiamo pensare oltre la tecnologia stessa. Abbiamo bisogno di forti principi etici, nuove leggi evolute, persone con nuove competenze e persino riforme del mercato del lavoro. Se vogliamo sfruttare al massimo questa potente e promettente tecnologia tutto ciò deve avvenire insieme. Ecco perché - ha concluso - il mondo deve riunirsi per affrontare questi problemi con un senso di responsabilità condivisa".




Microsoft, assieme alla Pontificia Accademia per la Vita, ha annunciato che promuoverà un premio internazionale sull'etica nell'Intelligenza Artificiale. Brad Smith, nel commentare la visita in Vaticano -  nell’intervista esclusiva a Rainews24 -  si augura che la collaborazione tra l’azienda di Redmond e la Santa Sede possa continuare.
 


Smith non veniva in Italia da più di dieci anni e ha scelto MIlano e Roma per discutere di tecnologia a 360 gradi, prima in un incontro con gli studenti del Politecnico di Milano, poi a Roma in un convegno sulla democrazia digitale, dopo essere stato ricevuto in Vaticano. "L'intelligenza artificiale sostituirà diverse mansioni, ma creerà anche nuovi lavori. Dobbiamo prepararci al futuro che richiederà nuove competenze per tutti e non solo per i giovani", ha spiegato il numero uno di Redmond agli studenti del Politecnico di Milano, invitandoli ad "abbracciare il futuro imparando dal passato" e dall'impatto che "la tecnologia ha avuto sulla società e sull'economia".  Un concetto ribadito anche nell'intervista rilasciata a Rainews24.

Investire sulla formazione dei giovani
A sostegno dell'aggiornamento professionale e della formazione, l'azienda co-fondata da Bill Gates e Paul Allen ha presentato a Milano 'Ambizione Italia per la Scuola', un progetto per offrire a 250.000 studenti del nostro Paese di età compresa tra i 12 e i 18 anni, competenze digitali in linea con i nuovi trend tecnologici, dall'Intelligenza Artificiale alla Robotica, nondhé la rinnovata partnership con il Politecnico di Milano per la formazione di 'data scientist'.

Chi è il presidente di Microsoft
Brad Smith è in Microsoft dal 1993, nominato consigliere generale nel 2002, presidente e capo degli affari legali dell’azienda statunitense dal 2015. Smith ha supervisionato numerosi negoziati sulla concorrenza e sulla proprietà intellettuale con governi e aziende mondiali del settore Ict.  Nel 2013 è stato nominato dal National Law Journal uno dei 100 avvocati più influenti degli Stati Uniti. Nel 2014, il New York Times lo ha definito "ambasciatore de facto dell'industria della tecnologia". Oltre al suo lavoro in Microsoft, Smith è entrato, dal 2015, nel consiglio di amministrazione di Netflix.

 
Condividi