Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Brasile-supera-340mila-morti-in-Ontario-nuovo-lockdown-20mila-contagi-in-Germania-f5354b7b-89d9-43e3-a50b-c79a17c26694.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La pandemia nel mondo

Brasile supera 340mila morti, in Ontario nuovo lockdown. Ventimiila contagi in Germania

Non c'è pace per il Brasile dopo il record apocalittico di 4.195 morti in un giorno: a causa del Covid le vittime totali sono oltre 340mila. Preoccupano i contagi in Germania mentre in Canada l'Ontario, per la seconda volta, ha annunciato un lockdown immediato per un mese

Il Brasile fa registrare nuovi record di morti
Condividi
Ancora un triste primato per il Brasile: il ministero della Salute ha annunciato il superamento della soglia dei 340mila morti per Coronavirus. Dopo il disastroso bilancio della giornata di ieri: 4.195 morti, le ultime 24 ore fanno registrare dati allarmanti. Sono 3.829 i morti che hanno portato dunque a un totale di 340.776 vittime dall'inizio della pandemia. Nello stesso periodo i casi di contagio registrati sono stati 13.193.205, 92.625 dei quali nelle ultime 24 ore.

Le nuove infezioni da Coronavirus registrate in Germania nelle ultime 24 ore sono state 20.407, i decessi 306. Ad annunciarlo è stato il Robert Koch Institut. E l'aumento di ricoveri in terapia intensiva ha prospettato la possibilità di un nuovo lockdown per allentare la pressione sugli ospedali.

Lockdown di un mese, confermato in Ontario, Canada, dove per la seconda volta i casi stanno crescendo. Nello specifico triplicando tanto che le autorità locali hanno invitato la popolazione a restare in casa. Ad annunciare le misure restrittive in Ontario, la provincia più popolosa del Canada, è stato il primo ministro, Doug Ford.

"Per favore, a meno che non si tratti di un motivo essenziale, restate a casa perché la situazione è grave", ha detto Ford. A fronte di un forte aumento dei casi di coronavirus e dei ricoveri, la provincia aveva inasprito le proprie restrizioni la scorsa settimana, ma le autorità sanitarie locale le hanno giudicate insufficienti. Da qui la decisione del premier di chiudere per un mese: è la seconda volta quest'anno che è stata dichiarata un'emergenza a livello provinciale.
 
Condividi