Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Brusaferro-la-delta-dominate-in-Italia-Si-abbassa-media-di-chi-si-contagia-5c5feef8-c311-4dd9-9210-1606a18eba3d.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

I dati dell’Iss

Brusaferro: la variante Delta è ormai dominante. L'età media dei contagiati è 27 anni

Condividi
In questo momento la Variante Delta è quella dominante nel nostro paese. Lo ha affermato il presidente Iss Silvio Brusaferro riferendosi ai dati dell'ultima indagine rapida. “Per quanto riguarda la Gamma (brasiliana) - dice - è invece contenuta ed è in declino la variante Alfa".
 
Si abbassa l’età media di chi contagia
In questo momento la media di chi si contagia ha 27 anni; 49 anni di chi viene ricoveri in ospedale, 63 per chi va in terapia intensiva. “La  maggioranza dei casi che si sviluppano sono autoctoni, cioè si generano nella stessa regione". "L'infezione sta crescendo in molti paesi europei e anche nel contesto italiano sta crescendo. Sono 3845 i comuni - spiega Brusaferro - in cui si rileva almeno un caso, quasi 900 comuni in più rispetto alla scorsa settimana. Il virus circola soprattutto nelle fasce più giovani tra 10 e 29 anni".
 
L’importanza dei vaccini
"Anche contro la Delta il primo e più importante antidoto è completare il ciclo vaccinale. La vaccinazione riduce in modo significativo il rischio di contrarre infezione, di ospedalizzazione e morte e questo vale per tutte le fasce di età e per tutti i vaccini. Da qui l'importanza di completare il ciclo vaccinale, perché il ciclo completo è estremamente efficace nel ridurre anche le possibilità di contrarre l'infezione". Ma Brusaferro sottolinea più volte che è '"necessaria la prudenza nei comportamenti”.
 
"Sappiamo che la vaccinazione con ciclo completo riduce dell'88% il rischio di infezione e oltre il 95% l'ospedalizzazione", afferma.
 
L' Rt verso la stabilizzazione
"L'occupazione dei posti letto ospedalieri segna una crescita ma contenuta mentre l'incidenza in molte aree è sopra i 50 casi per 100 mila abitanti, critica per il tracciamento. Inoltre l'Rt proiettato per la prossima settimana mostra una stabilizzazione: è un dato da confermare ma siamo comunque sopra la soglia epidemica. Siamo in una fase in cui dobbiamo muoverci con grande prudenza".
 
Colori regioni
Sul colori delle regioni Silvio Brusaferro e Gianni Rezza hanno detto che è difficile fare previsioni. Con i dati Rt della prossima settimana si potrà avere un quadro “più definito", ricordando che sono “determinanti i nostri comportamenti".
Condividi