Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Burkina-Faso-sale-a-160-i-morti-bilancio-massacro-in-villaggio-di-Solhan-09746d34-44fa-40b3-a349-07cf0f8b6510.html | rainews/live/ | true
MONDO

Oggi primo giorno di lutto nazionale

Burkina Faso, sale a 160 morti il bilancio del massacro nel villaggio di Solhan

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, si è detto "indignato" per l’attacco nel nord est del Burkina Faso tra venerdì e sabato

Condividi
Sono almeno 160 le vittime del massacro nel villaggio di Solhan, nel Nord-Est del Burkina Faso. Sono state trovate 3 fosse comuni. In una c’erano i corpi di una ventina di minorenni. Il gruppo di uomini armati, indicati dalle fonti della sicurezza come appartenenti a una banda di "jihadisti violenti", ha fatto delle vere e proprie esecuzioni. Prima i militari, poi i civili, donne, uomini, bambini. Dati alle fiamme case e il mercato del villaggio.

Una spirale di violenza senza fine
E' l’attacco considerato il più sanguinoso dall'inizio delle violenze jihadiste nel paese dal 2015. Una scoperta degli altri cadaveri che arriva nel primo giorno dei 3 giorni di lutto nazionale proclamati dal presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kabore, che ha definito l’attacco "barbarico". Non è la prima volta che Solhan, che si trova a 15 chilometri dal capoluogo Sebba, viene presa mira da attacchi jihadisti. Dal 2015 nella città sono morte 1.400 persone.

Papa Francesco
Della strage in Burkina Faso ha parlato anche Papa Francesco durante l'Angelus: "L'Africa ha bisogno di pace e non di violenza". Assicura la sua preghiera "per le vittime della strage compiuta nella notte tra venerdì e sabato in una cittadina del Burkina Faso". "Sono vicino ai familiari e all'intero popolo burkinabè - ha concluso il Papa - che sta soffrendo molto a causa di questi ripetuti attacchi".

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha condannato l'attacco, dicendosi "indignato", e lanciato un appello a rinnovare gli sforzi contro l'estremismo armato.
Condividi