Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cairo-vince-con-la-sua-Opas-e-conquista-Rcs-e-Il-Corriere-1962c298-ea17-48fd-a0a5-0f07b805e026.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Sconfitta la cordata Bonomi

Cairo conquista Rcs e Il Corriere

L'obiettivo: nuovo cda e fusione dei due gruppi 

Condividi
Urbano Cairo l'ha spuntata: Rcs MediaGroup e quindi anche il Corriere della Sera passeranno nelle mani dell'editore de La7. E con La7 saranno destinati in prospettiva a fondersi in un unico gruppo.

Con il successo della sua Offerta pubblica di acquisto e scambio, il proprietario del Torino Calcio ha battuto l'Offerta pubblica d'acquisto concorrente lanciata dalla cordata guidata dalla Investindustrial di Andrea Bonomi e composta da alcuni dei soci 'storici' di Rcs, ovvero Mediobanca, Pirelli, UnipolSai e Della Valle.

"Sinceramente - ha commentato a caldo lo stesso Cairo - non mi aspettavo una distanza così importante. Non dimentichiamo che nella cordata concorrente c'erano dei pesi massimi. Mi figuravo come se fossimo in due in una partita di basket: io piccolino come il Marzorati della situazione, e Intesa che è un giocatore importante, e dall'altra parte c'erano cinque come Belinelli e Bargagni". Ora, ha aggiunto Cairo, "mi aspetta un lavoro pazzesco. Cominciamo a entrare in Rcs in tempi velocissimi. L'importante ora è la velocità di esecuzione".

Come lui stesso ha dichiarato nei giorni scorsi, come prima mossa intende "immediatamente" convocare l'assemblea per nominare un nuovo cda della holding editoriale. Quanto agli assetti del quotidiano di via Solferino, l'attuale direttore, Luciano Fontana, non dovrebbe essere in discussione: "Fontana è bravo e quindi per me rimarrebbe".

L'obiettivo fusione contenuto nel piano di Cairo potrebbe in teoria essere 'minacciato' dalla costituzione di una minoranza di blocco nell'assemblea straordinaria da parte dei soci della cordata Bonomi, che anche una volta dichiarata decaduta la loro Opa, manterrebbero una quota del 24,77% circa. Bisogna dunque attendere di capire le intenzioni degli sconfitti. Che in serata hanno comunque reso gli onori al vincitore.

In particolare, Bonomi ha dichiarato: "Purtroppo i numeri di oggi dicono che l`offerta concorrente è risultata essere prevalente e a Cairo, faccio i miei migliori auguri. E` tempo ora di pensare al bene dell`azienda che sono certo, con il supporto di tutti i suoi azionisti, saprà raggiungere buoni risultati". Se la fusione andrà in porto, Cairo non intende poi diluirsi troppo in Cairo Communication, quindi si e' detto pronto a riacquistare subito azioni della Cairo stessa, attraverso una procedura Rab (reverse accelerated bookbuilding), per riportarla al 50% più un'azione.
Condividi