Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Calabria-Callipo-si-dimette-il-Pd-dice-ci-ripensi-d55d95a6-795e-4b32-bae1-9926bc4afa42.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Lo strappo

​Calabria, Callipo si dimette: "Non ci sono le condizioni per lavorare". Il Pd: ci ripensi

Il candidato presidente del centrosinistra alle regionali del gennaio scorso lascia il Consiglio regionale 

Condividi

"Dopo una lunga e molto sofferta riflessione, questa mattina ho rassegnato le mie dimissioni dalla carica di consigliere regionale della Calabria perché mi sono reso conto che, purtroppo, non ci sono le condizioni per portare avanti concretamente l'importante mandato che un considerevole numero di calabresi mi ha conferito". Lo annuncia in una nota Pippo Callipo, candidato presidente del centrosinistra alle regionali del gennaio scorso, e uscito sconfitto, e consigliere del movimento da lui fondato "Io resto in Calabria".

"Ben presto ho capito che - spiega - le regole e i principi che ordinano l'attività del Consiglio regionale sono di fatto 'cedevoli' al cospetto di prassi consolidate negli anni che mortificano la massima Assemblea legislativa calabrese e che si scontrano con la mia mentalità improntata alla concretezza. L'attività del Consiglio si svolge assecondando liturgie politiche che impediscono la valutazione delle questioni sulle quali l'Assemblea è chiamata ad esprimersi, impedendo quindi che il Consiglio stesso renda quel servizio al quale dovrebbe tendere istituzionalmente".

Graziano:  ci ripensi, il Pd voterà contro
"Ringrazio Pippo Callipo per l'impegno profuso in questi mesi e per la generosità con cui aveva accettato una sfida improntata al cambiamento e al riscatto della Calabria". Lo dichiara il commissario regionale del Partito Democratico della Calabria, Stefano Graziano. "Prendiamo atto delle motivazioni che lo hanno indotto alle dimissioni ma gli chiedo di ripensarci e di non privare il popolo calabrese della sua azione e della sua concretezza. Chiederò al gruppo Pd di votare contro le dimissioni e chiedo a Callipo di raccogliere la sfida delle riforme che porteremo in aula nei prossimi mesi. Il gruppo consiliare del Partito Democratico sarà sempre dalla parte di chi si batte per  il rispetto delle regole democratiche e a tutela delle prerogative di tutti i consiglieri a fronte di una maggioranza arrogante e interessata unicamente alla spartizione delle poltrone", conclude.

Condividi