Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Candidati-centrodestra-sindaco-di-Roma-Michetti-Lusingato-Matone-Grande-giorno-726c13d0-1330-46dd-9846-057808af040c.html | rainews/live/ | true
POLITICA

La conferenza stampa

Candidati centrodestra sindaco e vicesindaco Roma. Michetti: "Lusingato". Matone: "Grande giorno"

Condividi
"Sono assolutamente onorato, lusingato, che una coalizione intera, senza alcun dissidio, attraverso un sano confronto, abbia avuto attenzione per me e la dottoressa Matone. Farò di tutto per ripagare questa fiducia con successo ed efficienza". Lo ha detto Enrico Michetti, candidato del centrodestra a sindaco di Roma, parlando a Piazza di Pietra insieme ai leader della coalizione alla conferenza stampa di presentazione dei candidati sindaco e vicesindaco di Roma per il centrodestra.  "Noi dovremmo riuscire a restituire a ogni cittadino l'orgoglio di Caput Mundi. Non è impossibile, è molto difficile", ha detto Michetti.  

"Gli altri candidati non sono nemici né avversari, ma sono colleghi. Ho il massimo rispetto per i colleghi e non parlerò mai di loro, ma solo del presente e del futuro di Roma. Perché noi Roma la amiamo", ha aggiunto.

"Qualcuno mi ha definito tribuno, che bello, è il massimo che si puà dare a un romano. Ringrazio chi mi ha dato questo appellativo. Il tribuno della plebe era colui che rappresentava il popolo diRoma, era sacro e inviolabile. Dobbiamo riportare la pace in questa città. Giorgia, Matteo e Antonio mi hanno chiesto la buona amministrazione. Augusto che la garantì chiese una cosa sola, essere tribuno della plebe a vita. Io sarò un servitore della politica e di questa città assieme a Simonetta", ha detto il candidato sindaco di Roma del centrodestra.

"E' un grande giorno, però sono in attesa del provvedimento del Csm perché mi devo necessariamente mettere in aspettativa, quindi non posso fare dichiarazioni di natura politica", ha detto Simonetta Matone, candidata a vicesindaco di Roma."Roma non è fatta solo di bidoni della spazzatura maleodoranti. Ho accettato la proposta perché nella vita bisogna saper rischiare e buttarsi. Ho deciso di mettere la mia professionalità e il mio spirito di servizio a disposizione dei cittadini romani. Credo di conoscere a fondo tutto ciò che di Roma viene ignorato da lungo tempo, dalle periferie alla questione delle donne vittime di reato", ha detto Simonetta Matone, durante la conferenza stampa. 

"Enrico Letta mi sorprende, è stato proprio lui a nominarmi al Dipartimento nel ruolo che un tempo fu di Giovanni Falcone. Il Parlamento dal 1992 in poi è sempre stato pieno di magistrati, lo stesso discorso vale per i sindaci. Quasi tutti non sono usciti dalla magistratura, si sono messi in aspettativa, cosa che farò anche io. Non ho mai fatto parte di cordate, ho avuto incarichi importanti ma sempre e solo per rapporti fiduciari con i ministri che mi hanno scelto", ha detto Simonetta Matone."Spero di dare il mio contributo - ha aggiunto - insieme a Michetti perché Roma diventi la Capitale dei più deboli, di chi non ha diritti, coinvolgendo la Chiesa cattolica, le associazioni di volontariato. Questo sarà il mio compito".

"È una bellissima giornata per Roma e per l'Italia. Presentiamo la voglia di cambiamento per restituire orgoglio, dignità ed efficienza a Roma. Non potrebbe essere un venerdì migliore", ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, arrivando alla conferenza stampa di presentazione dei candidati sindaco e vicesindaco di Roma del centrodestra.

"Il centrodestra non può che crescere e migliorare. Il ticket sindaco e prosindaco copre pure entrambe le tifoserie della Capitale. Uno sta con la Roma e l'altro con la Lazio: sono coperte sia la curva sud che la curva nord...", ha detto il leader della Lega. 

"Ho sentito dire con scherno 'Michetti chi?'. Possiamo confrontare il suo curriculum con quello degli altri candidati? Raggi avvocato presso lo studio Sammarco poi consigliere comunale poi sindaco. Gualtieri, dirigente di partito, burocrate europeo, e poi ministro dell'economia del governo Conte. Con Enrico Michetti coadiuvato da una grandissima donna come Simonetta Matone, mettiamo in campo due pezzi da novanta". Così la presidente di FdI, Giorgia Meloni, durante la confrenza stampa di presentazione del ticket Michetti-Matone.

"Noi non mettiamo in campo un candidato, mettiamo in campo un sindaco. Raggi era un buon candidato, era donna, giovane, nuova e sapeva parlare ma non è stata un buon sindaco. Per anni ha detto che stava facendo esperienza, non si può fare il tirocinio da sindaco di Roma. Noi invece vogliamo delle persone che quando arrivano a governare la Capitale sanno esattamente dove mettere le mani. Roma non si può permettere di perdere altro tempo", conclude.

 "Bene avere un magistrato in Campidoglio che faccia rispettare le regole, non vogliamo che la malavita metta le mani sulla città, servono occhi vigili e attenti", ha detto Antonio Tajani intervenendo alla conferenza stampa a Roma.

"Roma deve essere una capitale che possa attirare sempre di più turisti e possa diventare la capotale culturale di Europa. E' una questione di volontà politica. Pensiamo alla questione della metropolitana. Dobbiamo dotare Roma di un trasporto pubblico efficiente. Non possiamo fermarci ai capricci delle belle arti, perché se si trova in una villa romana, la stazione diventa un museo che i turisti possono ammirare tutti i giorni", ha detto Antonio Tajani.
Condividi