Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Catalogna-il-capo-dei-Mossos-dai-magistrati-nessuna-misura-cautelare-d151d3fb-df3b-411c-85c4-10958dcda6f3.html | rainews/live/ | true
MONDO

Dopo il Referendum

Catalogna, nessuna misura cautelare per capo dei Mossos. Sanchez e Cuixart non rispondono al giudice

Trapero è accusato di sedizione, rischia 15 anni di carcere. Convocati anche i due leader indipendentisti: "Non riconosciamo la competenza del Tribunale" 

I Mossos d'Esquadra, la polizia catalana
Condividi
Nessuna misura cautelare è stata disposta dai magistrati dell'Audiencia Nacional spagnola nei confronti del capo dei Mossos d'Esquadra, Jose' Luis Trapero, accusato di 'sedizione' in relazione alle manifestazioni del 20 settembre. Lo riferiscono i media spagnoli. La magistrata che si occupa del caso, Carmen Lamela, non ha deciso alcuna misura nemmeno nei confronti dell'intendente dei Mossos, Teresa Laplana. Secondo quanto riportano i media spagnoli, la Procura ha presentato al  giudice una nuova relazione sulla vicenda che, una volta esaminata, porterà a una nuova convocazione di Trapero.

Sanchez e Cuixart non rispondono al giudice
A loro volta indagati per sedizione, i presidenti di Anc e Omnium, le due grandi organizzazioni della società civile indipendentista, non hanno invece risposto al giudice. Cuixart ha detto che non hanno risposto perchè non riconoscono la competenza del tribunale a giudicarli per sedizione, Sanchez di avere risposto al suo avvocato per rilevare la legittimità delle proteste pacifiche della popolazione catalana. 

La stampa spagnola aveva anticipato che entrambi si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere e avrebbero fatto ricorso al diritto di non fare dichiarazioni dinanzi all'Audencia nacional. Strategia usata dai sindaci catalani filo-secessionisti indagati dalla procura.

I disordini del 20 settembre
Migliaia di persone assediarono la sede del ministero dell'Economia catalano per protestare contro le perquisizioni negli uffici e gli arresti di vari dirigenti catalani ordinati dalle autorità spagnole. La procura generale denunciò Trapero e l'intendente dei Mossos, Teresa Laplana, per non avere agito con prontezza dopo la richiesta della Guardia Civil che chiedeva di allontanare i manifestanti.

Condividi