Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cina-manovre-militari-vicino-Taiwan-sono-necessarie-per-difendere-la-sovranita-ab8400ce-b090-48cc-8d93-f702df0b7744.html | rainews/live/ | true
MONDO

Tensione Pechino-Taipei

Cina, manovre militari vicino Taiwan sono "necessarie per difendere la sovranità"

L'obiettivo è "tutelare gli interessi generali" della Cina e dei "connazionali su entrambe le sponde dello Stretto", ha detto il portavoce dell'Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato cinese

Condividi
"Azioni necessarie a tutela della sovranità nazionale e dell'integrità territoriale". Si è espresso così Ma Xiaoguang, portavoce dell'Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato cinese, citato dal Global Times, in riferimento alle recenti "esercitazioni militari dell'Esercito popolare di liberazione nello Stretto di Taiwan", dopo che tra il primo e il 4 ottobre 150 aerei militari, fra caccia e bombardieri, hanno sorvolato la zona di difesa aerea (Adiz) dell'isola.

L'obiettivo è "tutelare gli interessi generali" della Cina e dei "connazionali su entrambe le sponde dello Stretto", ha sostenuto, accusando "le autorità del Dpp", il Democratic Progressive Party della presidente di Taiwan Tsai Ing-wen, e i "secessionisti dell'indipendenza di Taiwan" di fraintendere la situazione, di "collusione con forze straniere" e di "provocazioni alla ricerca dell'indipendenza" che porterebbe solo la "catastrofe" per gli abitanti dell'isola che Pechino considera una "provincia ribelle" da "riunificare".

In dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi il ministro della Difesa di Taipei, Chiu Kuo-cheng, ha lanciato l'allarme affermando che la Cina sarà in grado di organizzare un'invasione su vasta scala di Taiwan entro il 2025, mentre il Wall Street Journal ha rivelato che gli Stati Uniti mantengono da almeno un anno a Taiwan un ristretto contingente di consiglieri militari.

La presidente Tsai Ing-wen ha ribadito negli ultimi giorni che Taiwan "farà tutto il necessario per difendere la sua libertà e la sua democrazia" assicurando che l'isola "non cerca il confronto militare", ma "spera in una pacifica, stabile e reciprocamente vantaggiosa coesistenza con i suoi vicini".

Poi il presidente Xi Jinping è tornato a promettere la "riunificazione" di Taiwan e Tsai ha replicato affermando che "non dovrebbero esserci illusioni sul fatto che il popolo di Taiwan si possa piegare alle pressioni". E oggi Ma ha accusato la presidente di "vendere la 'teoria dei due statì".

Taiwan: più vi avvicinate più dura sarà la risposta
In un nuovo, duro monito alla Cina, i vertici della Difesa di Taiwan avvertono Pechino che più si avvicinerà al territorio dell'isola più dura sarà la risposta di Taipei. L'avvertimento è contenuto in una relazione che verrà presentata domani al Parlamento di Taiwan dal ministro della Difesa, Chiu Kuo-cheng, citata dall'agenzia Bloomberg.

"In risposta alle intrusioni di aerei e navi militari dei comunisti cinesi alla nostra zona di identificazione aerea di Difesa, aderiremo al principio 'più vicini arrivano all'isola, più forte risponderemo' ", si legge nel rapporto, che giunge in un periodo di alta pressione militare della Cina sull'isola, di cui Pechino rivendica la sovranità.
Condividi