Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cina-maxi-multa-da-2.78-miliardi-di-dollari-ad-Alibaba-4cabd283-b66c-4b8e-877b-74ed9f3e34b9.html | rainews/live/ | true
MONDO

E-commerce

Maxi-multa in Cina ad Alibaba per abuso di posizione dominante: 2,78 miliardi di dollari

Alibaba Group (Chinatopix via AP)
Condividi
Una multa record da quasi 3 miliardi di dollari per pratiche anticoncorrenza. Le autorità cinesi hanno inflitto una maxi-multa da 2,8 miliardi di dollari al gigante dell'e-commerce Alibaba per abuso di posizione dominante. L'accusa per la più grande società di e-commerce al mondo è di tattiche anticoncorrenziali, mentre il Partito Comunista al governo sta rafforzando il controllo sulle industrie tecnologiche in rapida crescita.

I leader del partito sono preoccupati per il predominio delle grandi colossi internet cinesi, che si stanno espandendo nella finanza, nei servizi sanitari e in altre aree sensibili. Il partito afferma che l'applicazione dell'anti-monopolio, specialmente nella tecnologia, sia una priorità quest'anno. Alibaba è stata multata per "abuso di posizione dominante" per aver limitato la concorrenza da parte dei rivenditori che utilizzano le sue piattaforme e ostacolare la "libera circolazione" delle merci, ha annunciato la State Administration for Market Regulation. Ha affermato che la multa era pari al 4% delle sue vendite totali nel 2019 di 455,712 miliardi di yuan (69,5 miliardi di dollari). "Alibaba accetta la pena con sincerità e garantirà la sua conformità con determinazione", ha affermato la società in una nota, promettendo di "operare secondo la legge con la massima diligenza". 

La mossa è una nuova battuta d'arresto per Alibaba e il suo fondatore miliardario, Jack Ma, dopo la decisione di novembre scorso dei regolatori di sospendere il debutto in borsa di Ant Group, una piattaforma finanziaria scorporata dal gigante dell'e-commerce. Jack Ma, uno degli imprenditori più ricchi e importanti della Cina, è temporaneamente scomparso dalla vista del pubblico dopo aver criticato le autorità di regolamentazione in un discorso di novembre.

E, giorni dopo, è arrivata la sospensione di Ant Group. Alibaba, lanciata nel 1999, si è espansa a un ritmo vertiginoso nei servizi finanziari, nella produzione di film e in altri campi. Il governo ha emesso linee guida anti-monopolio a febbraio volte a prevenire pratiche anticoncorrenziali come accordi esclusivi con i commercianti e l'uso di sussidi per spremere i concorrenti. Il mese successivo, 12 società tra cui Tencent Holdings, che gestisce giochi e il popolare servizio di messaggistica WeChat, sono state multate di 500.000 ($ 77.000) ciascuna con l'accusa di non aver rivelato precedenti acquisizioni e altri accordi. I regolatori hanno dichiarato a dicembre che stavano esaminando possibili tattiche anticoncorrenziali da parte di Alibaba. Sempre a dicembre, le autorità di regolamentazione hanno annunciato che i dirigenti di Alibaba, il suo principale concorrente, JD.com, e altre quattro società Internet sono stati convocati a una riunione e avvertiti di non usare il loro dominio sul mercato per tenere fuori nuovi concorrenti. 
 
 
Condividi