Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Colpo-di-coda-inverno-freddo-e-maltempo-su-tutto-il-Paese-77d8c322-6247-4759-881e-c3f1564c5d4b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Pausa nella primavera

Colpo di coda dell'inverno, freddo e maltempo su quasi tutto il Paese. Auto nel Mincio, un disperso

In salvo altre 4 persone che erano a bordo. Allerta per forti venti, grandine e mareggiate. Neve fuori stagione sull'Appennino oltre che sulle Alpi. A Mantova un treno urta un albero finito sui binari: nessun ferito. A Marsala turista tedesco muore mentre pratica kitesurf. In Veneto Zaia avvia istruttoria stato di emergenza 

Condividi

La primavera può attendere. Un'ondata di aria fredda proveniente dall'Artico ha investito l'Italia e tutto il Mediterraneo, portando con sé vento forte, grandine, pioggia e neve a bassa quota. 

5 persone nel Mincio con l'auto, una dispersa 
Cinque giovani uomini, tutti di nazionalità romena, sono finite questa mattina presto con la loro auto nel Mincio nei pressi di Pozzolo nel Mantovano. Quattro sono state salvate, mentre una risulta dispersa.
Le ricerche dei sommozzatori sono state sospese a causa del maltempo.

Al momento dell'incidente, avvenuto questa mattina, i cinque sarebbero stati, a quanto si apprende, in stato di ebbrezza. Residenti a Valeggio sul Mincio, nel veronese, erano sul posto per pescare. Le condizioni del tempo però erano proibitive con pioggia e vento forte, cosicché hanno così deciso di ripararsi in auto. Il conducente si è distratto e non si è accorto che il mezzo non aveva la marcia innestata. Così la vettura, lentamente, è scivolata nelle acque del Mincio. Le grida di aiuto sono state sentite da altri pescatori che hanno tratto in salvo quattro persone.

I vigili del fuoco sono intervenuti sul luogo per le ricerche con una squadra di sommozzatori, con personale a terra e con un elicottero. L'auto non è stata ancora trovata. Le ricerche in elicottero, rese difficili dalla scarsa visibilità delle acque torrentizie, hanno dato esito negativo. Quanto ai sommozzatori, a causa delle precipitazioni sono state aperte le paratie del vicino lago di Garda per il deflusso e, di conseguenza, il fiume Mincio si è ingrossato, cosa che ha limitato e pregiudicato il loro lavoro. La squadra di terra è ancora sul posto e monitora la riva a vista.

Un ristorante posizionato su un pontone galleggiante a Peschiera del Garda si è staccato dagli ormeggi, a causa del forte vento, andando alla deriva lungo il Mincio, che qui si forma dall'incrocio di tre emissari del Garda. La "Barcaccia", questo il nome del locale, 'navigando' senza controllo spinta dalla corrente, è stata seguita sul lungo lago dai vigili del fuoco, sotto gli occhi stupefatti di molti residenti. E' stata infine rallentata da alcune strutture per la pesca, ed è stata così bloccata e messa in sicurezza dai pompieri.

Marsala, turista tedesco muore mentre pratica kitesurf 
Un turista tedesco è morto questa mattina intorno alle 12,30 mentre stava praticando kitesurf nello Stagnone di Marsala. Secondo una prima ricostruzione una violenta raffica di vento lo avrebbe trascinato, scaraventandolo violentemente contro un'auto parcheggiata e uccidendolo sul colpo. Il medico legale ha eseguito un primo esame autoptico. Indaga la polizia.

Treno urta albero finito su binari a Mantova 
A Mantova il treno per Milano delle 8.40, appena partito dalla stazione della città, ha urtato un albero caduto sui binari per il maltempo. Fortunatamente passeggeri e macchinisti non hanno riportato conseguenze. Il convoglio è stato fermato per le verifiche tecniche del caso e i passeggeri sono stati trasferiti, con disagi e ritardi, su un altro convoglio.

Colpito soprattutto il Centro-Nord
Il maltempo ha colpito per prime le regioni settentrionali, portando temporali, grandine e neve in collina; anche le temperature tornano ai valori invernali, scendendo fino a 15 gradi sotto le medie stagionali. Freddo e pioggia raggiungeranno il Sud lunedì, ad accezione della Campania, dove il maltempo è già arrivato: parchi e cimiteri sono stati chiusi per precauzione. Anche al Centro rovesci e temporali anche forti, spesso accompagnati da grandinate, e neve fino a quote collinari.

Mareggiate lungo le coste 
Venti forti a rotazione ciclonica. Mari molto mossi o agitati, possibili mareggiate su Sardegna e medio alto Tirreno. 

Forte mareggiata sferza il litorale romano
Da diverse ore il litorale romano sta facendo i conti con una forte mareggiata che sta sferzando la costa da Ostia a Passoscuro, e ancora più a nord. Una brutta sorpresa per gli operatori balneari proprio pochi giorni dopo l'avvio ufficiale della stagione balneare e quando ormai pensavano di non dover più, a questo punto, essere alle prese con un maltempo di tale portata dal sapore invernale, una vera e propria burrasca. In particolare, preoccupazione c' è sulla costa di Ostia, Focene e Fregene sud, alle prese da diverso tempo con seri problemi legati all'erosione e dove da tempo gli operatori chiedono interventi strutturali di difesa della costa, accanto alle opere di tamponatura e a quelle di protezione avviate dagli stessi titolari di stabilimenti.

Vento forte a Roma, evacuato il Bioparco
Evacuato il Bioparco di Roma a causa del vento forte. Sul posto pattuglie della polizia locale intervenute, secondo quanto si è appreso, su richiesta della direzione di evacuazione e chiusura per motivi di sicurezza. Diversi gli alberi e i rami caduti in strada e su auto in sosta. Tra questi in Lungotevere degli Alberteschi e in via Castro Pretorio sono stati centrati due taxi, ma fortunatamente senza provocare feriti. I vigili del fuoco dalle 8 di questa mattina hanno effettuato 120 interventi.

Allerta meteo in diverse regioni 
Allerta arancione in Emilia Romagna per "condizioni di forte instabilità". Allarme anche in Sardegna per vento forte di maestrale con punte di burrasca. Allerta gialla inoltre sulla Liguria, gran parte del territorio di Veneto, Lombardia e Puglia oltre che su tutti i bacini di Toscana, Umbria, Marche e Lazio. 

Zaia avvia istruttoria per stato d'emergenza in Veneto
In attesa del censimento che i sindaci effettueranno, il Presidente del Veneto Luca Zaia ha disposto che gli uffici regionali avviino l'istruttoria per la dichiarazione dello stato di emergenza per i danni subiti dai Comuni colpiti dal maltempo che da ieri imperversa in molte zone del Veneto. Il decreto - informa una nota della Regione - sarà firmato dal Presidente nelle prossime ore.

"Dalla tarda serata di ieri sono stati oltre 200 gli interventi dei vigili del fuoco effettuati per allagamenti, taglio di piante e rimozione di cornicioni pericolanti in Veneto. Le province più colpite risultano Verona, Venezia e Vicenza". Così i Vigili del Fuoco, via twitter.

Neve al Brennero, 30 cm sulle Dolomiti
In alcune zone dell'Alto Adige la neve è caduta nella notte fino ai 500 metri di quota. Sulle Dolomiti si registrano tra i 20 e 30 centimetri di neve fresca. In Alta Pusteria questo inverno è davvero infinito, visto che la prima nevicata della stagione risale al 26 agosto scorso, ovvero a nove mesi fa, i fiocchi sono poi caduti almeno una volta ogni mese, ricorda il meteorologo Dieter Peterlin. 


Anche Abetone e Valdiluce sotto la neve 
Nevicata fuori stagione, questa mattina, sull'Appennino pistoiese. A partire dalle 9 all'Abetone e in Valdiluce sono cominciati a scendere copiosamente dei fiocchi di neve che hanno presto imbiancato la nota località sciistica toscana. Il manto bianco ha coperto anche le piste da sci in quota regalando a residenti e turisti un nuovo scampolo di inverno. Le temperature hanno toccato punte fino a meno tre gradi e nelle prossime ore la quota neve è destinata a scendere fino a 600 metri. Al momento, comunque, non si registrano problemi alla viabilità. L'ultimo episodio di una nevicata cosi' fuori stagione risale al 2013, quando il 25 maggio in Valdiluce caddero dieci centimetri di neve.

In salvo tre alpinisti francesi
Recuperati la notte scorsa a quasi 4.000 metri di quota, sul Monte Rosa, tre alpinisti francesi che si erano persi sul ghiacciaio a causa del maltempo.  

Condividi