Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Congo-parla-il-testimone-italiano-dell-attacco-Rocco-Leone-Daremo-agli-inquirenti-gli-elementi-per-trovare-i-colpevoli-983f6abd-8070-4a6b-8ea6-92f76d3af9cf.html | rainews/live/ | true
MONDO

La morte di Attanasio e Iacovacci

Congo, parla il testimone dell'attacco: "Daremo agli inquirenti gli elementi per trovare colpevoli"

Rocco Leone, il vicedirettore del Programma alimentare mondiale (Pam) in Congo,  è rimasto illeso nell'attacco in cui sono stati uccisi l'ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Leone ha rilasciato una dichiarazione letta dal vicedirettore della comunicazione del Pam, Greg Barrow

Condividi

"Non posso entrare nei dettagli dell'attacco" ma siamo "pronti a dare tutte le informazioni" e "stiamo lavorando con tutti gli inquirenti" in modo che "chi ha perpetrato questo crimine sia assicurato alla giustizia". Lo ha detto il vicedirettore del Programma alimentare mondiale (Pam) in Congo, Rocco Leone, rimasto illeso nell'attacco in cui sono stati uccisi l'ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista.

Leone ha rilasciato una dichiarazione letta dal vicedirettore della comunicazione del Pam, Greg Barrow, in un briefing alla stampa. Il funzionario non è ricoverato in ospedale e "sta bene" dice il portavoce.

 "La strada da Goma era considerata sicura per il viaggio al momento della missione, se ci fosse stato qualche dubbio sulla sicurezza avremmo preso altre misure.I protocolli sono stati seguiti", ha detto ancora Barrow.

La Farnesina: "Sicurezza era responsabilità del PAM"
Le misure di sicurezza al momento dell'attacco "ricadevano nella responsabilità del Pam che aveva organizzato la missione nella regione di Goma e che aveva indicato che il percorso 'era stato autorizzato senza scorta armata' ", scrive la Farnesina in una nota, aggiungendo che "il Dipartimento per la Sicurezza Onu ha formalmente comunicato di avere avviato un'indagine - insieme a Pam e la missione MONUSCO - sui fatti e che tale indagine dovrebbe concludersi il 9 marzo prossimo". 

Rafforzamento della scorta? Solo per le presidenziali
Secondo la ricostruzione della Farnesina il rafforzamento della scorta chiesto da Attanasio, venne concesso, ma era circoscritto alle elezioni presidenziali dello scorso anno, mentre la responsabilità del viaggio vicino a Goma, nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, in cui è rimasto ucciso insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci, era in capo al Programma alimentare mondiale (Pam), per cui il Ministero degli Esteri  valuterà attentamente il report dell'Onu, al termine dell'indagine.

Condividi