Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cop26-Glasgow-Onu-dinosauro-mascotte-Non-scegliete-estinzione-151ffc2c-7780-4674-aa9b-b67136ffd5dd.html | rainews/live/ | true
AMBIENTE

Cop26 di Glasgow. ​Un dinosauro all'Onu: "Non scegliete l'estinzione"

​Frankie il dinosauro prende la parola alla tribuna delle Nazioni Unite

Condividi
L'Onu ha scelto un dinosauro come sua mascotte per far arrivare alla Cop26 di Glasgow il suo appello ad un'azione politica urgente per contrastare il riscaldamento globale. 

"Don't choose extinction", "Non scegliete l'estinzione": e' questo il messaggio affidato a Frankie il dinosauro dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (Undp), per sensibilizzare leader politici, diplomatici e popolazioni sui rischi concreti dei cambiamenti climatici sul futuro dei tutte le specie viventi, anche quella umana, che rischiano di scomparire a causa dell'aumento delle temperature e dei danni all'ambiente. 

Dopo gli allarmi lanciati direttamente dal segretario generale Onu Antonio Guterres, i codici rossi contenuti in numerosi rapporti stilati da diverse istituzioni, tra cui il Gruppo intergovernativo di esperti sull'evoluzione del clima (Giec), in materia di comunicazione le Nazioni Unite cambiano decisamente stile.  In un video di 2 minuti 30 diffuso su Twitter, una specie di mini produzione hollywoodiana, si vede prima il quartier dell'Onu con un drone, qualche secondo di suspense e una musica da thriller prima di conoscere il protagonista di questa nuova campagna di comunicazione.

Frankie il dinosauro prende la parola alla tribuna dell'Onu - quella da cui parlano tutti i potenti del mondo, anche l'attivista svedese Greta Thunberg - per lanciare l'allarme sul rischio estinzione per la specie umana se non dovesse cambiare rotta nella lotta ai cambiamenti climatici.

Nel post intitolato "We can't ignore #ClimateChange any longer" (Non possiamo più ignorare il cambiamento climatico), Frankie The Dino argomenta che sovvenzionare le energie fossili significa crearsi la fossa da soli, chiedendo ai governi di smetterla con questa linea politica.



Ricorda anche ai leader mondiale che la ripresa post pandemia serve ad investire nella green economy, che finora ha visto confluire solo il 20% dei bilanci e degli investimenti, "troppo poco" deplora la mascotte. Frankie ribadisce poi la necessità di controllare la temperatura media, il cui aumento è dannoso non solo al pianeta e agli animali ma all'intera specie umana.

"Essere in via di estinzione è una brutta cosa. Provocare la propria estinzione è la cosa più ridicola che io abbia mai sentito in 70 milioni di anni" dice Frankie, aggiungendo che "almeno noi avevamo un asteroide, voi invece qual e' la vostra scusa?".

L'invito dell'Undp è quello di raggiungere Dino nella sua campagna a sostegno di un'azione climatica prima che sia troppo tardi, avvertendo che "se non mettiamo fine alle scuse, saremo un'altra specie in via di estinzione".
Condividi