Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Abbott-si-aggiudica-gara-4-milioni-di-test-sierologici-in-Italia-entro-fine-maggio-ea55bc17-f77a-4bf1-84ea-562e30691e65.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La lotta all'epidemia

Coronavirus, Abbott annuncia 4 milioni di test sierologici in Italia entro fine maggio

Sarà possibile analizzare fino a 200 test all'ora in un migliaio di laboratori

Condividi

"Entro fine maggio la Abbott conta di distribuire in Italia 4 milioni di test". Lo comunica la Abbott, l'azienda farmaceutica statunitense vincitrice del bando indetto dal governo per la fornitura di test sierologici in Italia nell'ambito dell'emergenza coronavirus.

"Il nuovo test ha dimostrato specificità e sensibilità superiori al 99 per cento 14 giorni o più dopo l'insorgenza dei sintomi", spiega la Abbott, annunciando che in un migliaio di laboratori di tutta Italia sarà possibile analizzare fino a 200 test per ora.

La sperimentazione partirà nei laboratori delle varie regioni e riguarderà campioni specifici di popolazione in base alle categorie Istat e Inail. Si terrà conto del profilo lavorativo, del genere, di sei fasce di età, della provenienza geografica. Domenico Arcuri, Commissario per l'emergenza ha spiegato: "Assieme a Inail e Istat, in base all'anagrafe, alla zona, al censo e alla classe, avremo una massiccia messa in campo di questi test che ci permetteranno di raggiungere i primi risultati", che si avranno già dalla prima settimana.

"Siamo orgogliosi di aver potuto rendere fruibile immediatamente in Italia anche il nuovo test anticorpale che potrà aiutare a individuare chi ha contratto il virus, contribuendo ad aumentare la fiducia ora che ci apprestiamo a tornare gradualmente alla nostra vita", ha anche spiegato Luigi Ambrosini, direttore generale e ad di Abbott Italia.   L'azienda - che ha annunciato di aver ottenuto il marchio'CE' - ha anche spiegato che "il test IgG SARS-CoV-2 identifica l'anticorpo IgG, una proteina prodotta dall'organismo nelle fasi avanzate dell'infezione e che potrebbe persistere per mesi e forse anni dopo la guarigione".

Condividi