Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Biden-usera-i-poteri-di-guerra-per-accelerare-le-vaccinazioni-b253a810-f4bb-431b-8fa6-ac77ee37e1d1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Defense Production Act

Coronavirus: Biden userà i poteri di guerra per accelerare le vaccinazioni

Trump usò il "Defence Production Act" per aumentare la produzione di ventilatori, mascherine e altre forniture mediche

Condividi
Joe Biden userà il Defense Production Act (Dpa), ovvero i poteri di guerra, per accelerare la produzione e distribuzione dei vaccini contro il coronavirus. 

Durante una call con i cronisti, funzionari della nuova amministrazione precisano che il ricorso ai poteri di guerra rappresenta un elemento chiave della strategia nazionale per la lotta al coronavirus e che sarà usato in maniera più assertiva rispetto a quanto non abbia fatto l'amministrazione di Donald Trump. 

"Laddove potremo produrre di più, lo faremo - spiega Tim Manning al quale Biden ha affidato la responsabilità di coordinare le forniture dei vaccini - se avremo bisogno di usare il Defence Production Act per aumentare la produzione, faremo anche quello". 

Trump ha usato il Dpa per aumentare la produzione di ventilatori, mascherine e altre forniture mediche. I democratici gli hanno contestato di non aver delineato una strategia nazionale complessiva per la lotta al coronavirus.

Il piano di Biden - è stato spiegato - poggia su 6 pilastri: ripristinare la fiducia dei cittadini, organizzare una campagna di vaccinazione efficace, allargare l'obbligo delle mascherine, riaprire le scuole in modo sicuro, far ripartire le attività, compreso il settore dei viaggi, tutelando i lavoratori e le persone più a rischio, ripristinare la leadership statunitense a livello globale. 

Al di là del ricorso ai poteri di guerra, la strategia di Biden chiede agli Stati di distribuire più dosi non appena disponibili, allargando velocemente la platea di quelli che hanno diritto al vaccino.

Il presidente firmerà oggi anche un ordine esecutivo per aumentare dal 75 al 100% i rimborsi federali agli Stati per i costi sostenuti per l'emergenza, compreso il ricorso alla Guardia Nazionale. 

È previsto, sempre oggi, un ulteriore decreto presidenziale per l'istituzione di un "Pandemic Testing Board", per espandere la capacità di screening dei lavoratori della sanità, delle scuole e delle comunità più emarginate. Altri ordini esecutivi puntano alla raccolta di un maggior numero di dati sul coronavirus e forniscono linee guida sulla sicurezza nelle scuole e nei posti di lavoro. 

Sarà inoltre creata una nuova task force (Covid-19 Health Equity Task Force). 
Condividi