Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Gualtieri-Valuteremo-tutte-le-risorse-anche-Mes-fbb79973-c7ba-4b25-908b-d16d152f3a8d.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

L'intervista a Mezz'ora in più su Rai 3

Coronavirus, Gualtieri: "Valuteremo tutte le risorse, anche il Mes"

Il ministro dell'Economia: ingenerose le critiche di Bonomi. Il presidente di Confindustria aveva detto che la politica rischia di fare più danni del Covid

Condividi
Avendo stanziato in deficit 75 miliardi di euro "oggi quale è la priorità? E' metterli a terra, spenderli tutti e spenderli bene". Lo ha affermato il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri durante la trasmissione Mezz'ora in Più su Rai 3, interpellato sull'ipotesi di ricorso al Mes. Se più avanti dovessero emergere necessità di "stanziamenti aggiuntivi" allora "valuteremo tutti gli strumenti possibili, sia esso Sure, sia esso il Mes e sono convinto che ci sarà senso di responsabilità di tutti - ha detto -. In ogni passaggio faremo il necessario al meglio in ogni passaggio, anche sul Mes".

A settembre con il Def sarà presentato "un grande piano per la rinascita e la ripresa per "investire sul futuro, sull'innovazione, sulla digitalizzazione, sulla sostenibilità ambientale, sugli investimenti. Chiediamo a tutte le forze di contribuire e dare idee e proposte",ha detto il ministro dell'Economia Roberto, affermando che la "crisi può essere anche una grande opportunità e non dobbiamo sprecarla".

"A giugno mi sembra eccessivamente ambizioso, perché sono più di 20 proposte legislative, tuttavia siamo impegnati in un negoziato che io penso debba concludersi entro luglio". Così il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri a proposito del negoziato sul Recovery Fund intervistato a 'In Mezz'ora in più' su Rai 3. Si tratta di "un'operazione economica sociale e anche politica che rimarrà nei libri di storia - ha aggiunto - perché l'Unione europea ha deciso di aumentare in maniera molto consistente il suo bilancio e di finanziare questo aumento, fino al 2%, attraverso l'emissione di titoli comuni europei a tasso praticamente zero e che saranno convogliati a sostegno dell'economia, tenendo conto dell'impatto del coronavirus e quindi andrà di più ai paesi più colpiti e l'Italia quindi dovrebbe essere tra i principali beneficiari". 

Gualtieri: sostegno Comuni al 100%, avranno tutto il necessario
I Comuni "hanno ricevuto il primo bonifico da un miliardo di euro" ed "entro luglio avranno 3,5 miliardi. Ma se avranno un calo delle entrate, ed è possibile che sia superiore, saranno aiutati perché noi dobbiamo sostenerli al 100%. Avranno tutto quello che è necessario". Lo ha assicurato il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, a intervistato da Lucia Annunziata a In mezz'ora.

"Ingenerose parti dell'intervista di Bonomi"
"Quando si governa bisogna cercare di avere un atteggiamento costruttivo. Per questo non voglio replicare a parti dell'intervista che mi sono sembrate ingenerose, tenuto conto anche del dialogo che c'è stato e dell'attenzione che noi abbiamo riservato anche legittimamente alle proposte che Confindustria ci ha avanzato anche per il decreto rilancio e che sono state tenute in considerazione in maniera consistente ed accolte nel decreto. Voglio guardare in positivo e in avanti - ha detto ancora Gualtieri - e penso sia giusto l'invito a concentrare bene queste risorse per gli investimenti per il futuro, non disperderle, ma credo sia diverso dalla critica mossa che noi abbiamo voluto sostenere tutti. Sì è stato giusto sostenere tutti". Il ministro ha quindi rivendicato le misure di protezione sociale e di "assorbimento dello shock" messe in campo dal governo con i primi decreti.

Il presidente di Confindustria, in un'intervista a "Repubblica", aveva detto che la politica rischia di fare più danni del Covid.
Condividi