Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Lombardia-Gallera-cee55a6b-0080-4af4-b455-f5d0d65b222b.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Aumentano i contagi: +1.544 casi. I nuovi decessi sono 273

Coronavirus, Gallera: "In Lombardia i dati non consentono di rilassarci"

L'assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, nel corso della diretta Facebook fa il punto quotidiano sull'emergenza coronavirus: il trend è migliore della settimana scorsa, ma non dobbiamo abbassare la guardia

Condividi
"I dati non ci consentono di rilassarci". Così l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera nel consueto punto stampa sull'emergenza coronavirus.

"Non è assolutamente finita, non dobbiamo abbassare in nessun modo la guardia, non dobbiamo pensare che il peggio sia passato perché i dati non sono stabili", ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia. "I dati ci dicono che veramente non è finita, non rilassatevi, è vero che il trend è migliore di settimana scorsa ma non ci fa ancora stare tranquilli", ha aggiunto.

In Lombardia i positivi sono 57592 con una crescita di 1544 con quasi 10mila tamponi, mentre ieri c'erano stati 1246 nuovi casi con 9.372 tamponi.

I deceduti sono 10511 con 273 nuovi decessi mentre ieri c'era stata una crescita di 216.

I ricoverati non in terapia intensiva sono 12.026 con un aumento di 149 mentre ieri erano aumentati di 81, i ricoverati in terapia intensiva sono 1174 con un calo di 28 mentre ieri erano in calo di 34.

A Milano e in provincia raddoppiano i contagi rispetto all'incremento registrato ieri: si è raggiunto un totale di 13268, con +520 rispetto a ieri, ha detto Gallera. Motivo per cui "dobbiamo rimanere in casa: non fatevi prendere dalla fobia di dover uscire a Pasqua o di fare la spesa, andiamo avanti con quello che abbiamo" è  l'appello di Gallera.

Preoccupante anche Milano città, dove il totale è di 5368, +262 rispetto a ieri, quando però l'incremento è stato di 127. "Non è finita, dobbiamo ancora resistere anche in vista dei ponti che ci separano dal 3 maggio: li passeremo a casa", ha concluso. 

"Milanesi non scherziamo, stiamo a casa. Non serve andare a fare la spesa per Pasqua, cucinate quello che avete. La situazione di Milano necessità maggiore attenzione: la linea un giorno scende e un giorno sale, non c'è una netta diminuzione dei contagi". Così l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera.

Condividi