Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Rt-a-0-virgola-68-scende-l-incidenza-26-casi-per-100-mila-abitanti-0a2e9252-697e-4492-a46a-78f3943bb71c.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

I dati del monitoraggio settimanale

Coronavirus, Rt a 0,68 scende l'incidenza: 26 casi per 100 mila abitanti

Secondo la bozza del report Iss-Ministero della Salute tutte le Regioni e le province autonome sono classificate a rischio basso tranne una, la Sardegna, a rischio moderato. Speranza conferma: "Da lunedì un italiano su due in zona bianca"

Condividi
Scende ancora il valore medio nazionale dell'incidenza dei casi di Covid ogni 100 mila abitanti che passa a 26 rispetto al 32 della scorsa settimana. Fermo invece l'Rt nazionale allo stesso valore di 7 giorni fa: 0,68. Sono, secondo quanto si apprende, i dati contenuti nella bozza di monitoraggio Iss-Ministero della Salute, ora all'esame della cabina di regia, che saranno presentati oggi.

Rischio basso per tutte le regioni, tranne per la Sardegna: moderato
Tutte le Regioni e le province autonome sono classificate a rischio basso tranne una, la Sardegna, a rischio moderato. 
E questa settimana, nessuna Regione/PPAA supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 8%, sotto la soglia critica, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 1.033 (31/05/2021) a 688 (08/06/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (8%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 6.482 (31/05/2021) a 4.685 (08/06/2021).

"Si osserva una ulteriore  diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di  trasmissione (4.992 vs 7.424 la settimana precedente). La percentuale  dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile (40,3% vs 40,1% la scorsa settimana). Stabile anche la  percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38,6 vs 38,6%). Il 21,0% è stato diagnosticato attraverso attività di  screening".

Verso zona bianca da lunedì per altre 5 regioni e PA Trento
Da lunedì prossimo 29 milioni di italiani dovrebbero essere in zona bianca. Secondo quanto si apprende infatti i dati del monitoraggio settimanale confermerebbero il passaggio nella zona a meno restrizioni per l'Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Piemonte, Provincia autonoma di Trento e Puglia. Queste si aggiungerebbero così a quelle già in questa fascia: Abruzzo, Liguria, Umbria, Veneto, Molise,Friuli Venezia Giulia e Sardegna.

Speranza conferma: "Da lunedì un italiano su due in zona bianca"
"Torna  in zona bianca il 50% della popolazione italiana. Mi appresto a firmare, infatti, un'ordinanza che riporta in zona bianca Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e provincia di Trento". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi.
 
Condividi