Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Salgono-i-contagi-in-Brasile-australiani-in-fuga-da-India-775209cd-e35c-4869-ab7a-fb6107ddbef2.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La pandemia

Coronavirus. Polonia allenta restrizioni, via mascherine all'aperto. Salgono i contagi in Brasile

Rio de Janeiro, Brasile. (AP Photo/Bruna Prado)
Condividi
Il Brasile ha registrato 2.211 nuovi decessi e 85.536 infezioni da Covid-19 nelle ultime 24 ore, il più alto numero di casi di contagio di questa settimana. Lo ha reso noto ieri il Ministero della Salute. Sono già 432.628 le vittime complessive, mentre nel Paese sono state contagiate 15.519.525 milioni di persone, da quando è stato certificato il primo caso, il 26 febbraio 2020. I dati delle ultime settimane mostrano che i decessi sono diminuiti lentamente, ma le infezioni sono aumentate di nuovo. 

Un aereo che trasportava più di 70 australiani in fuga dall'India colpita dal virus è atterrato sabato a Darwin, nel nord del Paese. Si è trattato del primo volo arrivato in Australia dopo un controverso divieto di viaggio, ma poco più della metà dei 150 prenotati hanno potuto salire sull'aereo. Quarantotto persone sono infatti risultate positive e altre 24 sono rimaste bloccate in quanto loro contatti stretti. Lo ha detto una portavoce del NorthernTerritory Health.   

Secondo un accordo, coloro che risultano positivi al virus, oche con questi hanno avuto contatti stretti, devono rimanere in India fino a quando non potranno esibire un test negativo. Chi torna in Australia dovrà comunque poi stare in quarantena presso una apposita struttura. All'inizio di questo mese, il governo ha minacciato il carcere per chiunque, compresi i cittadini australiani, avesse violato il divieto di viaggio dall'India, scaduto alla mezzanotte di ieri. Si ritiene che in India si trovino attualmente circa 9.000 australiani. 

La Polonia allenta le misure anti-covid-19: dalla mezzanotte i polacchi potranno togliersi le mascherine all'aperto e sedersi a bar e ristoranti, ma solo all'aperto, almeno per le prossime due settimane. È quanto è stato deciso dal governo dopo il calo del numero degli contagiati. Le mascherine saranno ancora obbligatorie nei negozi e sui mezzi pubblici.  Si tratta di un ulteriore, cauto ritiro delle restrizioni; dal 4 maggio scorso sono già riaperti i centri commerciali, dall'8 gli alberghi (ma possono accogliere solo il 50%  degli ospiti), mentre fra una settiman ariapriranno i cinema e teatri.   
 
Condividi