Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-Speranza-si-punta-a-13-milioni-di-immunizzati-entro-il-primo-aprile-56912b12-8264-49ca-956f-a675a2f6bfb7.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

L'intervista a La Stampa

Coronavirus. Speranza: si punta a 13 milioni di immunizzati entro il primo aprile

Roberto Speranza (Ansa)
Condividi
"Secondo il piano contrattuale, nel primo trimestre noi dovremmo ricevere 8,7 milioni di dosi prodotte da Pfizer e 1,3 milioni prodotte da Moderna. Totale, 10 milioni di dosi, corrispondenti a 5 milioni di persone vaccinate, visto che con un richiamo servono due dosi a persona. Se arriva subito al traguardo anche AstraZeneca, entro il primo trimestre si aggiungeranno altri 16 milioni di dosi, che corrispondono ad altre 8 milioni di persone vaccinate. Risultato finale: noi già dal primo aprile potremmo avere 13 milioni di vaccinati, e così avremmo già raggiunto la Fase Uno, cioè quella che ci consente di avere il primo impatto epidemiologico". E' quanto sottolinea il ministro della Salute Roberto Speranza in un colloquio con La Stampa.

C'è poi un vantaggio in più, che il ministro ci tiene a sottolineare: con AstraZeneca l'Italia gioca in casa. "Il vettore virale è prodotto a Pomezia, nell'impianto Irbm, l'infialamento avviene ad Anagni, e la conservazione delle dosi non ha bisogno di temperature a 75 sotto zero. Vuol dire che per noi, sfruttando Pratica di Mare come hub, sarà tutto più semplice: produzione, distribuzione, conservazione".
Condividi