Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-epidemia-avanza-in-tutta-Europa-Adesso-prevale-la-paura-1279f8a9-db42-4a7e-831b-973187e90801.html | rainews/live/ | true
MONDO

La pandemia

Coronavirus, L'epidemia avanza in tutta Europa. Adesso prevale la paura

I decessi per coronavirus in Europa superano per la prima volta quelli in Asia, secondo un conteggio della AFP. In Europa si registrano infatti almeno 3.421 vittime, mentre in Asia, dove la Cina è stata il focolaio iniziale di quella che è diventata in seguito una pandemia globale, i morti sono 3.384

Condividi
L’epidemia avanza in tutta l'Europa diventata ormai nuovo epicentro dell'epidemia di coronavirus. L'Ue decide di chiudere le sue frontiere esterne.L'Organizzazione mondiale della sanità chiede risposte più coraggiose all'Europa, bacino di un terzo dei contagi "Ogni Paese, senza eccezioni, deve intraprendere le azioni più audaci possibili per fermare o rallentare la diffusione del virus", ha detto Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms. 

I decessi per coronavirus in Europa superano per la prima volta quelli in Asia, secondo un conteggio della AFP. In Europa si registrano infatti almeno 3.421 vittime, mentre in Asia, dove la Cina è stata il focolaio iniziale di quella che è diventata in seguito una pandemia globale, i morti sono 3.384.

In Francia sono in vigore le misure contro l'epidemia: multe fino a 135 euro per gli spostamenti ingiustificati. Più di mille nuovi casi in un giorno. Dal governo 45 miliardi per sostenere l'economia: "Se serve nazionalizziamo grandi gruppi". Tutto il Paese è entrato in lockdown, chiudendo le frontiere a mezzogiorno e limitando gli spostamenti consentiti ai cittadini, con la polizia nelle strade a controllare. Il presidente Emmanuel Macron lunedì aveva annunciato che "per almeno 15 giorni i nostri spostamenti saranno fortemente ridotti. Assembramenti e riunioni familiari e amici non saranno più permessi". La prima conseguenza è stata che ieri le stazioni ferroviarie di Parigi sono state prese d'assalto da chi voleva fuggire dalla città. E anche il santuario di Lourdes ha chiuso, "per la prima volta nella sua storia".

Il  ministro dei Conti  Pubblici della Francia, Gerald Darmanin, in un'intervista a  Bfm Tv, di fronte alle accuse rivolte al Governo  dall'ex-ministro della Sanita' Agnes Buzyn per non avere  preso sul serio lo scoppio dell'epidemia, ha detto che a  febbraio lo Stato non sapeva ancora che l'epidemia avrebbe  portato all'attuale situazione.
  
Sono 13.700 le persone contagiate dal coronavirus in Spagna e 558 quelle decedute,secondo l'ultimo bilancio fornito dalle autorità spagnole. Il ministero della Salute spagnolo ha precisato che si tratta di un aumento del 18%.   Cresce anche la percentuale delle vittime, più 67% in un solo giorno. Drammatica la situazione a Madrid, la zona più colpita, Dopo la chiusura dei valichi di frontiera e i blocchi imposti nel Paese, il governo del premier socialista Pedro Sanchez ha poi varato un piano da 200 miliardi di euro, tra fondi pubblici e privati, per attutire l'impatto della crisi economica causata dalla pandemia. "Sono giorni molto difficili", ha dichiarato il premier illustrando il secondo pacchetto di misure economiche per frenare l'emergenza, "sarà la più grande mobilitazione di risorse nella storia democratica spagnola".

Re Felipe VI di Spagna parlerà questa sera alle 21 alla nazione.  Secondo i medici che lavorano in terapia intensiva se non sarà seguito il piano di emergenza si rischiano fino a 86.000 decessi. 

In Germania i casi di contagio confermati sono olre 9 mila. Berlino ha annunciato misure rigide per tentare di arginare la pandemia, chiudendo scuole, rafforzando i controlli alle frontiere e limitando le attività sociali. Gli esperti si aspettano che il numero di malati s'impenni nei prossimi mesi e temono che il sistema sanitario non regga. Nella capitale, in preparazione, alla Berlin Messe sarà creato un ospedale con mille posti letto. 

Dalla Germania Sessanta chilometri di coda sull'autostrada in direzione Polonia, con attese che possono arrivare a 30 ore: è definita "una situazione preoccupante dal punto di vista umanitario" quella che è venuta a crearsi sul tratto tra Dresda e Goerlitz dopo l'introduzione di rigide procedure di controllo decise dalle autorità di Varsavia ai confini per contrastare la diffusione del coronavirus.    In coda, come riferisce la polizia tedesca, soprattutto molti cittadini polacchi che lavorano in Germania, intenzionati a tornare in patria, spesso con tutta la famiglia, proprio perchè impauriti dalla rapida diffusione dell'epidemia nella Repubblica federale.

Accelera il contagio di coronavirus nel Regno Unito, toccando quota 2626 con un nuovo incremento record di 627 casi in più in 24 ore, secondo i dati aggiornati a stamattina dal ministero della Sanità britannico. Il numero dei test eseguiti ha superato invece quota 56.000, con circa 6000 tamponi in più in un giorno, in attesa del balzo fino a 25.000 tamponi giornalieri promesso oggi in Parlamento dal premier Boris Johnson Il bilancio dei morti accertati, fermo a ieri a poco più di 70, sarà aggiornato più tardi.

Scozia, chiusura scuole alla fine della settimana
La premier scozzese, Nicola Sturgeon, ha annunciato la chiusura di scuole e asili nido alla fine della settimana a causa dell'emergenza coronavirus. La sospensione dell'attività scolastica potrebbe durare a lungo, non e' detto che si riuscirà a riprendere prima delle vacanze estive, ha aggiunto. Nonostante le resistenze iniziali, il premier britannico, Boris Johnson, ha annunciato come imminente una decisione sulla chiusura delle scuole.

Belgio. Raddoppiano i morti in 24 ore, salgono a 10
Raddoppiano i morti nelle ultime 24 ore in Belgio. I decessi sono passati da 5 a 10. Il Centro di crisi nazionale ha già segnalato 172 nuove infezioni ieri mattina. Il re Philippe parla di "Crisi senza precedenti". E lancia un appello a restare a casa:  "Gli ospedali sono saturi".

Austria: Numero casi confermati di coronavirus è aumentato a 1.332
Il numero di casi confermati di coronavirus in Austria è aumentato a 1.332. Lo ha annunciato il ministero della Sanità del Paese. 

Serbia, divieto di uscire per ultra 65enni
In Serbia, allo scopo di contenere il contagio da coronavirus, da domattina alle 10 visarà il divieto assoluto di uscire casa per tutti coloro chehanno più di 65 anni. Lo ha detto in serata il presidente Aleksandar Vucic. Parlando in diretta televisiva unitamente allapremier Ana Brnabic, il presidente ha aggiunto che nelle zone rurali e per le località con meno di 5 mila abitanti il divietodi uscire riguarderà le persone di oltre 70 anni. Inoltre, ha affermato Vucic, a partire da domani sarà proibito a chiunque di stare in giro per strada dalle 20 di sera alle 5 di mattina. Si tratta, ha ammesso il presidente, dimisure eccezionali e dolorose, ma che sono state dettate dalla mancata disciplina mostrata finora dalla popolazione. 

Portogallo decreta stato di calamità
Il governo portoghese ha decretato lo stato di calamità e ha ordinato l'isolamento sanitario del comune di Ovar, municipio di circa 30mila abitanti.

Cipro, stop ai voli da 28 Paesi
Cipro ha deciso di vietare per due settimane i voli da 28 Paesi, incluse Gran Bretagna e Grecia, per contrastare la diffusione del coronavirus sull'isola dove si sono già registrati 49 casi. La misura entrerà in vigore sabato 21 marzo, e si andrà a sommare alle restrizioni già in vigore.

Malta chiude spazio aereo da venerdì notte 
Il governo maltese chiuderà lo spazio aereo a partire dalle 23.59 di venerdì. Da sabato l'aeroporto internazionale di Luqa, l'unico di Malta, resterà operativo soltanto per voli cargo, aiuti umanitari e per rimpatri. Lo hanno comunicato le autorità aeroportuali a tutto il personale, come riportano i media maltesi che pubblicano una nota dei sindacati che parlano di "giorno più nero" nella storia dell'aviazione.   

Air Malta ha già annunciato la sospensione immediata di tutti i suoi voli passeggeri. Nelle settimane scorse le compagnie aeree avevano già spontaneamente cancellato 278 collegamenti con Malta.

Sale di altri dieci casi, tra i quali i primi due di ultrasettantenni, il conteggio delle positività al coronavirus a Malta, lo stato più piccolo della Ue con oltre mezzo milione di abitanti (inclusi oltre 9mila italiani residenti) stipati in appena 316 kmq. Il totale delle persone ufficialmente contagiate al Covid-19 è di 48.
Condividi