Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-il-Governo-proroga-lo-stato-emergenza-al-31-gennaio-2021-5ba1514c-0700-4050-8a0f-40abd3ab2835.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Dopo il via libera di Senato e Camera

Coronavirus, il Governo proroga lo stato d'emergenza al 31 gennaio 2021

Il presidente Mattarella ha firmato il decreto approvato oggi dal governo proroga l'attuale Dpcm al 15 ottobre. Conte: dobbiamo essere più rigorosi per evitare nuove restrizioni

Condividi
A Palazzo Chigi il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge di proroga dello stato di emergenza Covid al 31 gennaio 2021.  Il decreto approvato oggi dal governo proroga l'attuale Dpcm al 15 ottobre.

In serata il presidente della Repubblica ha firmato il decreto sulle misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta Covid.

Diventa da subito effettivo l'obbligo di indossare le mascherine anche all'aperto, se si è vicini a persone non conviventi. Entro il 15 ottobre andrà dunque adottato un nuovo Dpcm che confermi o aggiorni le regole anti contagio che sarebbero scadute oggi e che sono invece prorogate. 

L'obbligo di indossare la mascherina varrà "in tutti i luoghi all'aperto ad eccezione dei casi in cui sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento" da altre persone. E' questa, a quanto spiegano fonti di governo, la disposizione adottata dal consiglio dei ministri e relativa al nuovo obbligo che sarà in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del Decreto legge Covid. L'obbligo non vale se si è all'aperto in un luogo isolato con persone conviventi. 

Non c'è nessun inasprimento delle sanzioni, a quanto si apprende, per chi viola le regole anti-contagio, incluso l'obbligo di tenere la mascherina all'aperto contenuto nel decreto approvato oggi in Consiglio dei ministri. La multe vanno da 400 a 1000 euro e sono quindi di entità uguale a quelle previste nei precedenti provvedimenti per la gran parte delle violazioni delle norme anti-covid, come quella anti-assembramenti. 

Il decreto approvato dal Cdm consente alle Regioni di varare norme più restrittive e - nei soli casi e nel rispetto dei criteri previsti dal Dpcm, e d'intesa col Ministero della Salute - anche norme ampliative.

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina nel corso della riunione del Consiglio dei ministri ha chiesto che le Asl applichino una corsia preferenziale per le scuole per la gestione dei casi di Covid-19. E' quanto si apprende da fonti di governo.

Conte: dobbiamo essere più rigorosi per evitare nuove restrizioni
Nel pomeriggio il premier ha incontrato la stampa davanti a Palazzo Chigi per spiegare le nuove misure varate dal governo. "Dobbiamo essere più rigorosi per evitare nuove restrizioni", ha detto il premier.



"C'e' una risalita della curva di contagi, di qui la deliberazione di prorogare lo stato d'emergenza al 31 gennaio. Sara' necessario indossare le mascherine a meno che non ci si trovi in una condizione di relativo isolamento", spiega Conte.

"La mascherina va indossata, non solo portata"
"Negli altri casi- aggiunge- la mascherina va non solo portata ma indossata. Vogliamo essere rigorosi. E non facciamo distinzione tra luoghi aperti al pubblico e privati. L'unica eccezione e' per le abitazioni private".

Attenti anche in famiglia, forte raccomandazione
"Anche in famiglia dobbiamo stare attenti. Mandiamo una forte raccomandazione ai cittadini. Gli esperti ci dicono di stare attenti: le relazioni amicali e quelle con congiunti con cui non si vive insieme sono quelle in cui piu' si diffonde il contagio".

Catalfo: proroga al 31/10 per domande di CIG
"Con il decreto approvato in consiglio dei ministri abbiamo prorogato al 31 ottobre i termini per la presentazione delle domande di Cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga collegate all'emergenza epidemiologica". Lo afferma la ministra del lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo, sottolineando che "in questo modo assicuriamo a tutte le imprese una ulteriore possibilità di inviare le richieste e i dati necessari al pagamento delle prestazioni di CIG covid-19 garantendo ai lavoratori l'accesso alle misure di sostegno al reddito previste dal decreto agosto". 
Condividi