Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-mondo-record-morti-in-Brasile-Oms-nuova-ondata-tragedia-59d54204-e919-406a-b741-4b7ed92a3ad5.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La pandemia

Coronavirus. Record di morti in Brasile. Oms: la nuova ondata è una tragedia

Manaus, Amazonas, Brasile (AP Photo/Edmar Barros)
Condividi
Il Brasile sta affrontando "una tragedia" a causa della "una nuova ondata" di Covid-19: a denunciarlo e' Mike Ryan, direttore emergenze dell'Oms, nel giorno in cui il Paese sudamericano ha registrato 65.169 nuovi positivi e ben 1.337 morti, mai cosi' tanti in 24 ore da inizio pandemia. Nel gigante di 211 milioni di abitanti ci sono gia' stati oltre 10 milioni di casi e 251 mila morti.   

"Purtroppo e' una tragedia che il Brasile stia affrontando tutto cio' di nuovo, e' difficile", ha detto Ryan, "questa dovrebbe essere la quarta ondata che il Brasile deve affrontare".

Per l'Oms e' necessario controllare la trasmissione a livello nazionale: "Il Brasile ha molte strutture sanitarie pubbliche eccezionali. Credo che il Paese sappia cosa fare e molti stati stanno cercando di applicare le misure migliori. Ma non e' facile in quanto non c'e' una parte del Paese che non sia stata colpita in maniera grave dalla pandemia".

Il Brasile, ha concluso, "deve essere un monito per tutto il mondo, la pandemia non e' finita e ogni rilassamento e' pericoloso". 

Il Messico ha registrato venerdi' 7.512 nuovi casi di Covid-19 e 782 morti. Lo ha reso noto il ministero della Salute. Il totale dei contagi nel Paese centroamericano e' arrivato a due milioni e76.882, quello dei deceduti a 184.474, un dato quest'ultimo inferiore solo a Stati Uniti e Brasile. 

 Auckland, la più grande città della Nuova Zelanda, sta tornando in lockdown per sette giorni dopo che è stato scoperto un nuovo caso di coronavirus. Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern specificando che il blocco sarebbe entrato in vigore domenica mattina. Auckland all'inizio di questo mese è stata chiusa per tre giorni dopo che sono stati trovati nuovi casi della variante più contagiosa scoperta per la prima volta nel Regno Unito.
Condividi