Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-nuove-regole-per-40-milioni-di-italiani-da-oggi-in-zona-bianca-f8f56a02-02f0-4d70-8599-f6a5e4597b5c.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

In tutto 13 regioni nella fascia a minor rischio

Coronavirus, nuove regole per 40 milioni di italiani da oggi in zona bianca

Da oggi altre 5 regioni e una provincia autonoma cambiano colore. Si tratta di Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia e Trento. Stop al coprifuoco, bari e ristoranti aperti, e consumazioni senza limiti orari

Condividi
Restrizioni al minimo da oggi per 40,5 milioni di italiani, tenuti però a continuare a indossare le mascherine, rispettare le distanze, lavare spesso le mani. Meno restrizioni e stop al coprifuoco da oggi, 14 giugno, per altre 5 regioni e una provincia autonoma. Si tratta di Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia e Trento. Via, quindi, il divieto di circolazione dalle 24 alle 5: per chi si trova in zona bianca - 13 in tutto al momento le regioni nella fascia più bassa di rischio covid. In questa zona i bar, i ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande al loro interno, senza limiti orari.

Via libera a matrimoni e feste, ma con il green pass, al ristorante non più di 6 al chiuso. Il trend dei contagi da nuovo coronavirus continua a diminuire. "Spero che il 95% degli italiani sia in zona bianca nei prossimi 7 giorni", dice il ministro Speranza. Obiettivo zero morti nella consapevolezza che l'arma decisiva contro la pandemia resta la campagna vaccinale. Nelle zone gialle resta il coprifuoco a mezzanotte fino al 21 giugno.

Tra i cambiamenti più attesi dai residenti che passano dal giallo al bianco, c'è senz'altro quello della fine del coprifuoco, limite che comunque cadrà a partire dal 21 giugno. Nelle zone bianche è inoltre consentito spostarsi senza limiti verso località in zona bianca e verso località in zona gialla senza dover giustificare il motivo dello spostamento, ma nel rispetto delle norme vigenti in quella determinata area. Per quanto riguarda invece i servizi di ristorazione, nelle zone bianche non ci sono limiti all'aperto e sono consentiti senza restrizione di orario, anche al chiuso. Il numero massimo di persone che possono sedere al tavolo al chiuso in zona bianca è di 6, mentre rimane il limite di 4 persone nelle zone gialle.

Con il passaggio in zona bianca vengono anticipate le aperture per piscine e centri benessere e termali al chiuso, parchi tematici, parchi divertimento permanenti o itineranti, sale gioco, centri sociali e culturali; in zona gialla la loro apertura sarebbe stata prevista, a seconda dell'attività, dal 15 giugno al 1 luglio. Inoltre, da domani saranno consentite feste conseguenti a cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, ma con il green pass; certificazione che segnala l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid oppure aver effettuato un tampone negativo nelle ultime 48 ore. Al momento restano però vietate le feste private e restano ancora off-limits le piste da ballo. Restano invece obbligatori i due gesti-barriera di base atti a prevenire i contagi, ovvero l'uso delle mascherine e il rispetto della distanza interpersonale.
Condividi