Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Coronavirus-scoperta-sostanza-naturale-che-lo-blocca-cfc5c89c-3da1-4b5a-a74a-6044cb888304.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

Studio pre-print

​Coronavirus, scoperta sostanza naturale che lo blocca quando la carica virale non è elevata

Ricerca dell'Università Federico II di Napoli e dell'università di Perugia, agisce se la carica virale non è altissima. Lo studio è il primo passo per la stesura di un protocollo terapeutico che sarà proposto all'attenzione di Aifa

Condividi

Individuata una sostanza naturale, già presente nel corpo, che può bloccare "l'attacco" del Sars-Cov2. È a questo risultato che sono giunti i ricercatori dell'Università Federico II di Napoli e dell'Università di Perugia che hanno identificato molecole endogene in grado di impedire l'ingresso del virus nelle cellule umane.

Le molecole sono di natura steroidea e alcune di esse sono degli acidi biliari, ovvero sostanze prodotte nel fegato e nell'intestino dal metabolismo del colesterolo ed è in grado di fermare l'infezione quando la carica virale non è elevatissima.

È una sostanza già presente nell'organismo - spiega Angela Zampella, direttore del Dipartimento di Farmacia dell' Università di Napoli Federico II -  che blocca l'entrata del virus nella cellule". È una sostanza del tutto naturale presente anche in alimenti come la liquirizia e l'olio d'oliva e "agiscono con lo stesso meccanismo". Una scoperta che spiana la strada a una diversa prevenzione anche perché, come fa sapere Zampella, "funziona quando la carica del virus non è elevatissima".

Lo studio, fa sapere Zampella, è il primo passo per la  stesura di un protocollo terapeutico che verrà proposto all'attenzione di Aifa. Lo studio, in fase di pre-print sul sito BioRxiv che riporta l'identificazione di nuovi target molecolari in grado di interferire con il meccanismo d'ingresso del Sars-Cov2 nelle cellule bersaglio, ha combinato approcci computazionali del gruppo del dottor Bruno Catalanotti, di chimica sintetica, professoressa Angela Zampella, e di biologia molecolare della dottoressa Adriana Carino del gruppo guidato dal professore Stefano Fiorucci, e ha coinvolto anche i gruppi della microbiologia e delle malattie infettive dell'Università di Perugia.

Condividi