Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Corte-Suprema-Usa-la-Procura-di-New-York-puoesaminare-i-documenti-fiscali-di-Trump-e5feceaa-53c6-43ff-b907-bb32442b7885.html | rainews/live/ | true
MONDO

Sette giudici favorevoli, due contrari

Corte Suprema Usa: la Procura di New York può esaminare i documenti fiscali di Trump

Il presidente insorge: "Sono vittima di una persecuzione politica"

Condividi
Nuova tegola sulla testa di Donald Trump, nell'anno delle elezioni presidenziali in cui il tycoon cerca la riconferma alla Casa Bianca. La Corte suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la procura distrettuale di Manhattan, New York, possa avere accesso alle dichiarazioni fiscali del presidente, nell'ambito di un'indagine penale che include pagamenti per il silenzio di donne che sostennero di aver avuto relazioni con il magnate. Sette i giudici favorevoli, due i contrari.

Un presidente in carica non ha immunità e quindi non può sottrarsi a indagini penali, ha stabilito la Corte suprema  affrontando uno dei due casi pendenti per ottenere le dichiarazioni fiscali di Donald Trump.

Trump: sono vittima di una persecuzione politica
"La Corte suprema ha rimandato il caso alla corte di grado inferiore, la lite giudiziaria continua. Questo è completamente un procedimento politico. Ho vinto la caccia alle streghe di Mueller e altre ed ora devo continuare a combattere nella politicamente corrotta New York. Nessuna imparzialità per questa presidenza o amministrazione": lo twitta Donald Trump commentando la sentenza della Corte suprema nel caso riguardante la richiesta delle sue dichiarazioni fiscali e finanziarie.

Condividi