Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Covid-1-su-10-non-recupera-olfatto-e-gusto-b3c4e012-d0fa-44e1-816f-1afb35f2be07.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Ricerca Università di Perugia

Covid: 1 su 10 non recupera olfatto e gusto

Sono tra le conseguenze del Covid che incidono nella qualità della vita. Lo studio per una terapia è partita nel 2020

Condividi
A causare la perdita di olfatto e gusto sarebbe un’alterazione del sistema nervoso centrale. Alterazione legata all’ infezione da Covid. Sintomi riscontrati dopo la guarigione di una persona su 10. Sintomi non da poco spiega, il team di Arianna Di Stadio, coordinatore di Ricerca in Otorinolaringoiatria e Docente di Neuroscienze all'Università di Perugia, ricercatore onorario al dipartimento Neuroscienze della Quenn Square Neurology UCL di Londra, perché incidono profondamente sulla qualità della vita.

Lo studio sta lavorando ad un'innovativa terapia anti-neuro infiammazione, in grado di agire sul controllo delle alterazioni del sistema nervoso, e promette di far recuperare totalmente le funzioni in pochi mesi. I primi risultati emergono da uno studio condotto, su un centinaio di pazienti. Il virus, si spiega, determina  un'infezione e infiammazione dell'encefalo che, alterando i processi di trasmissione del segnale, produce effetti totali sull'olfatto con il rischio che diventi irrecuperabile. L'encefalo tende a riparare i danni autonomamente nell'arco di uno/due anni, ma questo potrebbe non avvenire. Per questo è importante intervenire subito.

Lo studio condotto all'ospedale Fano ma anche a Roma e Cagliari sta seguendo più pazienti. I casi trattati con  l'innovativa terapia anti-neuro infiammazione che avevano una riduzione parziale dell’olfatto lo hanno recuperato in 30 giorni, mentre i pazienti con anosmia grave in 30 giorni hanno migliorato la propria capacità olfattiva, seguendo un trattamento di 3 mesi per risolvere al 100%.
Condividi