Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Covid-Molise-chiedera-intervento-dell-Esercito-ddb05a86-36d5-4b05-ba55-0046e777e309.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Coronavirus

Il Molise chiederà intervento dell'Esercito. Servono posti di terapia intensiva

Nella Regione la percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid-19 in terapia intensiva, rispetto al totale di quelli disponibili, è pari al 38%

Condividi
Il presidente della Regione Molise Donato Toma chiederà al ministero della Difesa l'intervento dell'Esercito per l'attivazione in emergenza di almeno dieci posti letto di terapia intensiva Covid presso vari ospedali. È quanto previsto nella mozione presentata dai consiglieri regionali di minoranza del Pd, Micaela Fanelli e Vittorino Facciolla, approvata dall'Assemblea a maggioranza. "Una scelta forte e urgente - ha commentato la capogruppo Fanelli - perché, oltre alle strutture mobili che si stanno montando in Basso Molise, moduli senza Rianimazione, ci vengano in soccorso con mezzi e personale".

"Ho parlato telefonicamente con il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, mi ha assicurato che invierà l'Esercito per attivare nuovi posti di terapia intensiva" e che "sono pronti a fare la loro parte. Da subito", scriveva Micaela Fanelli, in un post su Facebook pubblicato ieri sera, dopo il voto favorevole dell'Assemblea alla mozione presentata insieme al collega Vittorino Facciolla. 

L'atto di indirizzo, inoltre, impegna il presidente della Regione a rendere operativi i posti di terapia intensiva presso l'ospedale 'San Timoteo' di Termoli (Campobasso) attraverso l'adattamento del reparto di Rianimazione, schermando gli ambienti, separando i percorsi, garantendo la separazione dei percorsi e le procedure di sicurezza degli operatori.

I posti letto disponibili in terapia intensiva su scala regionale sono 39. La percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid-19 in terapia intensiva, rispetto al totale di quelli disponibili, è pari al 38%. 

 
Condividi