Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Covid-ricciradi-oggi-evidenza-scientifica-dice-che-vaccino-protegge-per-sei-mesi-829c0ea1-e3d5-4ccc-bc52-2a97cfd3c1ad.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Mascherina via con almeno 70-80% vaccinati

Covid. Ricciardi: "Oggi evidenza scientifica dice che vaccino protegge per 6 mesi"

Un'estate serena e un autunno senza nuove ondate di Covid-19? "Dipende molto da noi e sostanzialmente da tre cose - ha detto ancora il consulente del ministero della salute - l'accelerazione della campagna vaccinale, per vaccinare quante più persone possibile; il mantenimento delle misure di sicurezza e delle cautele, come l'uso delle mascherine, le norme igieniche e il divieto di assembramenti soprattutto al chiuso"

Condividi
"È bene essere prudenti. I sei mesi della durata del Green pass si basano sull'evidenza scientifica: oggi siamo sicuri che questo è il periodo di protezione dopo la vaccinazione o una eventuale infezione naturalmente acquisita. Man mano che acquisiremo nuove conoscenze allora il periodo potrà essere ampliato. Oggi stiamo vedendo che questa protezione potrebbe durare anche 8/9 mesi". Così Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute sulla durata del Green pass.


Speriamo non arrivi variante più contagiosa 
Un'estate serena e un autunno senza nuove ondate di Covid-19? "Dipende molto da noi e sostanzialmente da tre cose - ha detto ancora Ricciardi - l'accelerazione della campagna vaccinale, per vaccinare quante più persone possibile; il mantenimento delle misure di sicurezza e delle cautele, come l'uso delle mascherine, le norme igieniche e il divieto di assembramenti soprattutto al chiuso". Per Ricciardi bisogna poi avere "la speranza che non arrivi una variante più contagiosa e infettiva". Al momento "preoccupa quella indiana, che sta prendendo il sopravvento in Gran Bretagna, quindi bisogna essere molto attenti alla mobilità".

In futuro ci vaccineremo come contro influenza
"Se chi ha avuto il Covid dovrà vaccinarsi? Penso di sì. Il protocollo, per quanto riguarda le categorie più fragili, prevede una unica dose a sei mesi dal termine della sintomatologia. È probabile che in futuro ci dovremo vaccinare tutti di nuovo, perché questo è un microrganismo che probabilmente rimarrà endemico, cioè stabilmente presente, che potrà essere sotto controllo con la vaccinazione come nel caso dell'influenza" ha detto il consulente del ministro della Salute. 

"Noi siamo ospiti di questo mondo, in cui i virus e i batteri stanno da molto prima di noi - ha concluso Ricciardi- quindi siamo noi a doverci in qualche modo adattare. Dobbiamo capire che la loro è una presenza costante da miliardi di anni, mentre noi siamo da pochi milioni di anni sul Pianeta. Quindi dobbiamo adottare tutte le cautele comportamentali, ma soprattutto quelle che la scienza ci dà, come i vaccini, i farmaci e gli antibiotici, che ci garantiscono di combattere i virus".

Mascherina via con almeno 70-80% vaccinati 
"Si potrà fare a meno della mascherina quando saremo sicuri e questo dipenderà dalla copertura vaccinale. Nel momento in cui il 70/80% della popolazione, non il 15%, sarà vaccinato allora sarà un punto di partenza" ha risposto Ricciardi interpellato sulla possibilità di rimuovere l'obbligo dell'uso della mascherina. "Comunque in ambienti al chiuso e non ben ventilati - ha aggiunto - sarà sempre opportuno utilizzarla".
Condividi