Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Crisi-Ucraina-Lavrov-Russia-garantisce-realizzazione-accordi-Minsk-986e9013-07fc-4f9d-804b-9298bcd0c31c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Conferenza internazionale sulla sicurezza a Monaco

Crisi Ucraina, Lavrov: "Russia garantirà realizzazione accordi di Minsk"

Il ministro degli Esteri russo si dice ottimista sulla continuazione dei negoziati. Intanto i ribelli filorussi starebbero lanciando una nuova offensiva per prendere il controllo dello snodo ferroviario di Debaltsevo, situato a metà strada tra i bastioni ribelli di Donetsk e Lugansk, e il porto di Mariupol

Condividi
Monaco Se Merkel e Hollande si dicono incerti sull'esito dei colloqui con Putin e Poroschenko, sembra essere invece ottimista Lavrov. Per il ministro degli Esteri russo, infatti, i negoziati continueranno e ci sarebbero anche "buoni presupposti per una soluzione" al conflitto in Ucraina. Durante i lavori della conferenza sulla sicurezza in corso a Monaco di Baviera Lavrov afferma che "la Russia sarà fra le parti che garantiranno la realizzazione di Minsk", sottolineando che però "si può solo realizzare ciò che è stato raggiunto".

Crimea "diritto all'autodeterminazione"
"Spero che i passi presi ieri portino a dei risultati, che vengano sottoscritti da tutte le parti, e che portino a un miglioramento della situazione", ha detto ancora Lavrov. Il ministro russo ha parlato anche dei problemi economici e sociali dell'Ucraina che andranno presi in considerazione. Pi su quanto avvenuto in Crimea ha detto: "Si è esercitato il diritto all'autodeterminazione".

Sul campo continua offensiva ribelli filorussi
Intanto sul campo invece continuano le ostilità. I ribelli filo-russi hanno ripreso a bombardare le posizioni governative su tutto il fronte nell'Ucraina orientale e starebbero ammassando truppe e armamenti in vista di lanciare una nuova offensiva per prendere il controllo dello snodo ferroviario di Debaltsevo, situato a metà strada tra i bastioni ribelli di Donetsk e Lugansk, e il porto di Mariupol. L'allarme è stato lanciato dal portavoce dello stao maggiore interforze di Kiev Volodymyr Polyovy.
Condividi