Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Di-Maio-Lavoriamo-per-riaprire-tutti-i-paesi-Ue-il-15-giugno-sara-d-day-europeo-0db5f1f4-1e46-4562-9fd8-a4744368868b.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

"Regioni diano indicazioni omogenee ai turisti"

Di Maio: "Lavoriamo per riaprire tutti i paesi Ue il 15 giugno, sarà D-Day europeo"

"Dobbiamo salvare quel che possiamo dell'estate per aiutare i nostri albergatori e imprenditori"

Condividi
"Lavoriamo affinché il 15 giugno si possa ripartire tutti insieme in Europa: il 15 giugno per il turismo è un po' il d-day europeo". Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo ieri sera alla trasmissione Frontiere su Rai 1. "La Germania punta a riaprire il 15 giugno, consigliando alle persone di poter andare in vacanza in altri Paesi, con l'Austria ci lavoreremo e stiamo lavorando con altri Paesi europei", ha aggiunto ribadendo che "è importante permettere ai cittadini europei di venire in vacanza in Italia in sicurezza". 

Per aiutare a riavviare il turismo straniero in Italia "sarà importante che tutte le Regioni possano dare indicazioni omogenee ai turisti. Sentirò nei prossimi giorni il presidente delle Regioni ma sono sicuro che il ministro Boccia farà un ottimo lavoro di coordinamento, perché abbiamo bisogno che le Regioni non mettano misure diverse, altrimenti il turista non sa come accedere a una regione all'altra" ha aggiunto Di Maio. "Dobbiamo salvare quel che possiamo salvare dell'estate per aiutare i nostri albergatori e imprenditori", ha concluso.

Recovery Fund: "Se cade uno, cadono tutti"
I quattro cosiddetti Paesi 'frugali' dell'Ue "devono capire che se cade uno, cadono tutti: noi finora abbiamo affrontato con la massima responsabilità tutte le spese che servivano per aiutare imprenditori e professionisti, ma non basta. E in quel 'non basta' c'è la trattativa europea" ha detto Di Maio, alla trasmissione Frontiere su Rai 1, rispondendo a una domanda sulla trattativa in corso sul Recovery Fund.   Su questa partita, ha aggiunto il ministro, "l'Unione europea sta scegliendo se esistere. Non credo sia una questione di uscita o entrata nell'Ue: è una questione di futuro. Credo che l'Ue abbia tutte le carte in regola per scrivere un nuovo futuro attraverso il Recovery Fund".
Condividi