Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Di-Maio-incontra-il-ministro-degli-Esteri-cinese-Wang-preservare-indipendenza-Hong-Kong-56a3b8ef-9ddd-4c36-a681-6b0f78f32169.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Farnesina

Di Maio incontra il ministro degli Esteri cinese Wang: "Preservare l'indipendenza di Hong Kong"

Wang: "Abbiamo fatto la legge (sulla sicurezza) perché è nostro diritto  fondamentale salvaguardare la libertà e la tutela degli abitanti". Il tweet dell'attivista Laura Harth: ​"Un risultato ottimo e inaspettato oggi in Italia". Di Maio annuncia anche accordi su gas e agroalimentare

Condividi

Un tour delle capitali europee, a partire dall'Italia, per rinsaldare i rapporti tra la Cina e l'Unione europea, a fronte di non meglio precisate "forze esterne" che promuovono "provocazioni e danneggiamenti" nei confronti di queste relazioni. Un riferimento neppure troppo velato agli Stati Uniti di Donald Trump da parte del ministro degli Esteri cinese Wang Yi, oggi a Roma per incontrare il suo omologo Luigi Di Maio. Da qui si sposterà poi alla volta di Olanda, Norvegia, Francia e Germania. Così come si intravede la sagoma dell'attuale presidenza Usa quando, in conferenza stampa a Villa Madama, Wang punta il dito contro il "vento di unilateralismo e di Guerra Fredda" che sente soffiare nel mondo. Una deriva, assicura, che la Cina "non intende permettere".

Quanto all'Italia, in questo contesto di attriti sempre più ruvidi tra le due superpotenze mondiali, punta a giocare "un ruolo di ponte", spiega il capo della Farnesina Di Maio. Pur ribadendo che il Paese "terrà fede alle proprie alleanze storiche", vale a dire gli Stati Uniti e la Nato. Insomma, se da un lato "la Cina è ormai un attore ineludibile su qualsiasi scenario internazionale", e un partner importante per il nostro Paese, l'Italia - assicura il ministro - "ha una collocazione internazionale chiara: le alleanze non variano e sono ben salde e più forti che mai".   Una posizione che per Di Maio consente "un rapporto sano e leale" basato sulla "franchezza" nel dialogo con la Cina. Nel colloquio con Wang - sebbene incentrato soprattutto sul rilancio della cooperazione economica, di cui per il cinese la nuova Via della Seta dovrà essere "la forza motrice" - non è stato eluso il tema della nuova legge per la sicurezza nazionale di Honk Kong, voluta da Pechino.

A Hong Kong "è indispensabile preservare l'alto grado di autonomia e libertà. Seguiremo con molta attenzione i risvolti della nuova legge sulla sicurezza nazionale" detto Di Maio in conferenza stampa a Villa Madama con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi. "Ho ribadito che con i partner europei riteniamo che stabilità e prosperità di Hong Kong, sulla base del principio un Paese due sistemi, siano essenziali", ha aggiunto Di Maio.

"La Cina rappresenta indubbiamente uno dei nostri principali partner e non si può dimenticare che ormai è un attore ineludibile per affrontare qualsiasi scenario internazionale" ha poi aggiunto Di Maio. Con la Cina c'è un "confronto fondato sulla franchezza" e la "nostra collocazione internazionale è ben chiara a tutti, a partire dalla nostra appartenenza alla Nato, che è più forte che mai" ha detto, "questo ci permette di avere un rapporto sano e leale con la Cina".

Di Maio ha quindi annunciato due accordi. "Abbiamo siglato due intese: una per il gas con Snam e una per l'export di prodotti dell'agroalimentare Made in Italy. A questo si aggiungono alcune importanti partnership nel settore energetico e dei trasporti".

Wang: legge Hong kong garantisce l'indipendenza
"Questa è la mia prima visita in Europa dopo lo scoppio globale della pandemia, ed è proprio in Italia: questo dimostra l'importanza dei nostri rapporti con l'Italia e con l'Ue" ha detto Wang nel corso della conferenza stampa. "Con il ministro Di Maio ci siamo confrontati su Hong Kong nel rispetto di uno spirito di non ingerenza. Gli ho detto che il motivo della legge sulla sicurezza è colmare le falle che esistevano da tanti anni e combattere gli atti violenti che avvengono dappertutto nell'isola. Abbiamo fatto la legge per garantire i diritti di tutti e l'autonomia. Abbiamo fatto la legge perché è nostro diritto  fondamentale salvaguardare la libertà e la sicurezza degli abitanti".

"C'è chi vuole danneggiare le relazioni Ue-Cina"
Le relazioni tra Cina e Ue "subiscono provocazioni e danneggiamenti dalle forze esterne". In questo contesto "la mia visita serve per consolidare i rapporti tra Cina e Ue" ha aggiunto il ministro degli Esteri cinese. "Un'Europa unita, stabile e prospera è importante per tutto il mondo: questo è il nostro giudizio strategico. La Cina continuerà a sostenere l'integrazione europea con le proprie azioni concrete".

Conte sente Wang: Hong Kong e rapporti Ue-Cina tra temi
Il Presidente Conte ha avuto oggi pomeriggio una conversazione telefonica con Wang. Al centro del colloquio, il Covid-19, il G20, Hong Kong, le relazioni Ue-Cina e i rapporti bilaterali. Lo rende noto Palazzo Chigi.

Attivisti: ottime le richieste di Di Maio a Wang
"Un risultato ottimo e inaspettato oggi in Italia: il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a seguito di richiesta formale di Nathan Law e di 17 parlamentari italiani che rappresentano cinque partiti politici, ha chiesto pubblicamente alla sua controparte Wang Yi di garantire l'autonomia e la libertà di Hong Kong. Sicuramente non il benvenuto che si aspettava la Cina"  ha successivamente twittato l'attivista radicale Laura Harth, che oggi ha organizzato il sit-in fuori dalla Farnesina con il dissidente di Hong Kong, Nathan Law.

"La Ue ha espresso una posizione forte e anche il parlamento italiano ha condannato severamente l'implementazione della legge sulla sicurezza a Hong Kong. Onestamente non capisco perché il governo italiano non abbia seguito questa direzione" ha detto Nathan Law durante una conferenza stampa davanti alla Farnesina, poco prima del vertice di Di Maio con Wang.

Condividi