Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Egitto-dirigenti-ong-Zaki-saranno-scarcerati-oggi-226381b3-2942-40e3-a625-d1a10c9cdcfa.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il caso

Egitto, i dirigenti della ong di Zaki saranno scarcerati oggi

Lo indicano varie fonti. Ma non lo studente egiziano

Patrick Zaki
Condividi

Varie fonti riferiscono che i tre dirigenti dell'ong Eipr arrestati al Cairo saranno scarcerati stasera. Lo scrive su Twitter la stessa organizzazione non-governativa per cui lavorava Patrick Zaki. Lo studente egiziano non viene citato tra quelli che saranno scarcerati. Egypt Today Magazine precisa che le accuse nei confronti dei tre attivisti non sono state però ritirate.

"Urgente: l'ex-deputato Anwar Sadat ha informato l'Eipr che i nostri colleghi Basheer, Karim e Gasser saranno rilasciati stasera. Una serie di siti di notizie egiziani hanno pubblicato notizie simili", scrive il tweet dell '"Iniziativa egiziana per i diritti personali" (Eipr). "La nostra squadra di legali sta ancora confermando i dettagli e le procedure del loro rilascio", si limita ad aggiungere il messaggio di Eipr, una delle maggiori ong per la difesa diritti civili in Egitto finita nel mirino della magistratura egiziana per presunta contiguità alla Fratellanza musulmana messa al bando come terrorista.

Si tratta del direttore esecutivo Gasser Abdel Razek, di quello per la Giustizia penale Karim Ennarah e del responsabile amministrativo Mohamed Basheer arrestati tra il 15 e il 19 novembre (mentre Patrick, lo studente egiziano dell'Università di Bologna, è in custodia cautelare da febbraio).

I primi due sono accusati di "adesione a un gruppo terrorista", "propagazione di notizie false" e "uso improprio di social media". Oltre a queste tre accuse, Basheer era stato interrogato anche per aver "commesso un crimine di finanziamento del terrorismo".  Per i tre erano stati disposti 15 giorni di custodia cautelare.

Ieri l'appello alla liberazione da parte dell'attrice Scarlett Johansson, che ha chiesto la scarcerazione dei tre attivisti e di Zaki, accusato di propaganda sovversiva.

Condividi