Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ema-Agenzia-farmaco-protezione-con-vaccino-eterologo-pillola-merck-d562bb98-5de7-410e-917a-7d966a97e104.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Ema, "risposta immunitaria più forte con vaccino diverso nella 2a e 3a dose"

Agenzia europea del farmaco: più protetti con richiami di vaccini diversi dalla prima dose

Bruxelles, così l'Ema sull'analisi dei dati su vaccinazione eterologa. Su immunità di gregge: "Il costo umano dell'immunità naturale non è tollerabile"

Condividi
Non solo funzionerebbero, ma la risposta immunitaria sarebbe più potente. Così l'Agenzia europea del farmaco sulla somministrazione - per la seconda o terza dose - di un vaccino diverso dal primo. Sono tra i dati esposti dall'Ema a Bruxelles, basati sugli studi che hanno analizzato i dati degli ultimi mesi.

Ma la conferenza stampa è l'occasione anche per un affondo sulla cosiddetta immunità di gregge - la teoria secondo la quale lasciando circolare il virus liberamente, la popolazione di un paese raggiungerebbe l'immunità: tranchant il giudizio dell'Agenzia: "Con quasi cinque milioni di morti in tutto il mondo, il costo umano dell'immunità naturale non è tollerabile". 

Vaccino Spikvax, verdetto il 25 Ottobre
Sarà quella la data nella quale l'Ema si pronuncerà riguardo la dose booster del vaccino anti-Covid Spikevax (di Moderna), per persone di età over 12 anni, sei mesi dopo la seconda dose. Mentre è in atto nel frattempo, la revisione continua - la cosiddetta rolling review - per l'uso del vaccino Pfizer sui bambini tra i 5 ed 11 anni. 

Le cure contro il Covid
La prossima settimana inizieranno da parte dell'Agenzia le analisi della pillola Merck (il Molnupiravir): si tratterebbe del primo farmaco antivirale orale, un lavoro che dovrebbe concludersi nell'arco di 2-3 mesi.
Condividi