Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Eternit-Galletti-Troveremo-le-risorse-per-le-bonifiche-Renzi-martedi-incontra-i-familiari-8e10e7af-20d3-40f0-9ad3-1747e143ddf9.html | rainews/live/ | true
ITALIA

In piazza anche a Napoli

Eternit, Galletti: "Troveremo le risorse per le bonifiche". Renzi martedì incontra i familiari

A causa della sentenza della Cassazione il signor Schmidheiny non sarà obbligato a risarcire le vittime dell'Eternit. Per la bonifica - spiega il primo cittadino di Casale Monferrato - servono 100 milioni. Galletti: "34 mila siti inquinati, emergenza nazionale"

Ap
Condividi
In tutto servono 100 milioni, 60 devono arrivare al massimo nei prossimi due o tre anni. Titti Palazzetti, sindaco di Casale Monferrato, la città simbolo della strage dell'Eternit, spiega che "a causa della sentenza della Cassazione il signor Schmidheiny, pur essendo stato definito colpevole dalla procura generale, non dovrà versare nemmeno un euro dei risarcimenti che ci attendevamo come parte civile".

Galletti: "Troveremo le risorse"
Il ministro dell'Ambiente in un'intervista a La Stampa ha spiegato che "stiamo destinando una parte dei fondi di coesione territoriale per finanziare un piano settennale di bonifica dei siti. Sono 34 mila quelli inquinati dall'Eternit: è un'emergenza nazionale", per cui "abbiamo destinato subito 3 milioni per gli interventi più urgenti e altri 15 esclusi dal patto di stabilità. In settimana daremo a Casale un altro milione''.

Comitati a Palazzo Chigi
Matteo Renzi martedì incontrerà una delegazione di familiari delle vittime, il sindaco di Cavagnolo e Palazzetti che al Presidente del Consiglio - annuncia - chiederà "un piano finanziario per continuare le operazioni di bonifica dall'amianto. Sullo stanziamento annunciato da Galletti il sindaco di Casale commenta: "noi lo ringraziamo perché si è sempre interessato al nostro problema e ci ha sempre appoggiato".

Tre morti negli ultimi due giorni
Ma quel milione e mezzo è una goccia nel mare per una città in cui l'ecomostro dell'ex fabbrica Eternit continua a stare in piedi con le fibre che uccidono: tre volte soltanto negli ultimi due giorni. Sessantuno volte dall'inizio del 2014. "Per stanziare i fondi - continua il primo cittadino - dovremo uscire dal patto di stabilità non solo per il 2015, come ci è già stato concesso, ma anche per gli anni successivi. Inoltre vorremmo accedere al fondo dell'Unione europea per la coesione sociale".

In piazza anche a Napoli
Ma a chiedere giustizia non sono solo i piemontesi. Dopo le proteste dei giorni scorsi a Casale, sono scesi in piazza anche a Napoli per lo stabilimento di Bagnoli che ha già fatto 552 vittime. Di prescrizione i casalesi parleranno, sempre martedì, con il presidente della Camera, Laura Boldrini.

Palazzetti: "Riforma dei reati ambientali"
Su questo tema il presidente del Senato, Pietro Grasso, si augura che "da domani tutti insieme si impegnino a trovare soluzioni. Io ho indicato da tempo una strada che si potrebbe praticare. Speriamo che si possa andare avanti". Il sindaco Palazzetti allargherà il discorso: "Serve una riforma dei reati ambientali perché ci sono troppe lacune nel codice penale. E poi chi inquina dovrebbe essere costretto a pagare i danni".
Condividi