Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Firenze-lectio-magistralis-giuseppe-conte-la-dedica-agli-studenti-24aed5d1-faa5-430a-957b-5ed9240b8dc6.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'ex premier torna prof: lezioni, seminari e conferenze

All'Università di Firenze la lectio magistralis di Giuseppe Conte: "Dedicata a tutti gli studenti"

Condividi

"Questa giornata segna il mio ritorno nella comunità accademica fiorentina nella quale ho trascorso lunghi anni. Esperienza che mi ha arricchito enormemente, anche dal punto di vista umano. Ho accolto con gioia ed emozione l'invito a tenere questa lezione. E' una lezione che dedico a tutti gli studenti con l'auspicio che possiate affinare le vostre idee e progetti di vita". Così l'ex premier Giuseppe Conte nella sua lezione all'Università di Firenze. La lezione si intitola 'Tutela della salute e salvaguardia della economia: lezioni dalla pandemia'  in diretta streaming dall'Ateneo di Firenze.

Blindata la zona intorno al rettorato è blindata. Una decina di camionette di polizia a presidiare piazza San Marco in vista della manifestazione annunciata dai collettivi studenteschi. Transenne distese per una trentina di metri per impedire l'accesso all'ingresso del rettorato.

Tutela salute ha permesso di difendere meglio le imprese
"Già dalle prime valutazioni empiriche appare chiaro che la tutela prioritaria della salute ha consentito di difendere meglio anche il tessuto produttivo del paese e che le economie più resilienti si stanno dimostrando quello in cui sono state introdotte adeguate misure contenitive del contagio accompagnati da interventi di sostegno alle famiglie e alle imprese" ha detto Conte.

Usato strategia normativa basata su 3 pilastri
"La strategia normativa" per il Covid, "è stata costruita su tre pilastri: ordinanze del ministro della Salute, dichiarazione stato di emergenza nazionale, l'adozione di decreti legge e Dpcm. Non sarebbe stato possibile lasciare l'intera regolamentazione ai solo decreti legge per l'imprevedibilità della pandemia e i tempi della conversione del decreto in legge. C'era la necessità di uno strumento agile per intervenire prontamente" ha spiegato l'ex premier.

Mai usato potere sostitutivo Stato, ma dialogo
"Alle Regioni e alle Province autonome spetta la organizzazione dei servizi sanitari", ma "il potere sostitutivo del Governo è un potere poi che viene declinato in una legge speciale, l'articolo 8 della legge 131 del 2003 in caso di pericolo grave per l'incolumità e la sicurezza pubblica: ebbene, non abbiamo mai preso inconsiderazione la possibilità di esercitare il potere sostitutivo dello Stato" ha continuato Conte. "Anche per un indirizzo squisitamente politico - ha spiegato- abbiamo preferito coltivare un costante dialogo con le autorità territoriali, pur tra varie difficoltà e momenti critici, nella convinzione che il coinvolgimento dei vari attori istituzionali in una prospettiva di leale collaborazione ci avrebbe garantito una maggiore coesione nazionale, e una più solida tenuta delle comunità di riferimento, in un contesto del tutto inedito".

Alla politica spetta l'assunzione di responsabilità
"Solo alla politica spetta l'assunzione finale di responsabilità, perché è la politica  che ha l'opera di una valutazione complessiva degli interessi in gioco superando i conflitti nel segno di un bilanciamento che contemperi la massima tutela della salute dei cittadini con il minore sacrificio degli altri diritti costituzionalmente protetti" ha sottolineato.

A inizio pandemia si sostenne primato dell'economia
Sullo sfondo" di posizioni che sostenevano "l'incompatibilità delle misure restrittive con il quadro dei nostri valori costituzionali", all'inizio della pandemia in Italia, "sono emerse nel corso del tempo concezioni anarchiche della libertà, o anche concezioni che di fatto finiscono per attribuire, riconoscere il primato alla ratio economica rispetto alla salvaguardia dei valori della persona" ha ricordato detto l'ex premier. "I momenti iniziali in particolare sono stati molto complicati. L'Italia, per prima nel mondo occidentale, è stata chiamata a operare scelte risolute e del tutto inedite,vagliandone la compatibilità sul piano costituzionale,l'efficacia sul piano sanitario, l'efficienza sul piano economico, la sostenibilità sul piano sociale, e anche le ricadute sul piano psicologico".

Uno Stato ripiegato su se stesso e isolato non vince le sfide
"Dobbiamo essere ormai consapevoli che uno Stato nazionale, ove ripiegato su se stesso, non può essere in grado di rispondere alle sfide più complesse: le esperienze della solitudine, dell'isolamento, possono essere molto pesanti per i singoli individui, ma diventano gravi iatture per gli stati nazionali" ha aggiunto Conte. "Quale Europa - ha aggiunto - vogliamo? Di quale Europa abbiamo bisogno? Come ci percepiamo, come rappresentiamo noi stessi nel continente europeo? Ecco, queste sono domande che interpellano la nostra intelligenza, la nostra coscienza:richiedono un patto intergenerazionale, meritano la massima considerazione, la più schietta autenticità di risposta, in un mondo globalizzato in cui l'economia sembra avere preso il sopravvento rispetto alla politica e al diritto, dove abbiamo più volte constatato che il peso di una scelta economica assunta a molte longitudini di distanza può avere stringenti ripercussioni anche sulla nostra comunità nazionale".

Politica abbia europeismo critico, non è una moda
"La politica deve perseguire un europeismo critico, non fideistico: un approccio di autentica conversione che consapevolmente recuperi e rilanci, attualizzandole, le ragioni fondative del sogno europeo" ha detto ancora l'ex premier. "C'è euforia - ha osservato- per le professioni di fede europeista che si sono moltiplicate anche in Italia in queste ultime settimane, tanto più che alcune di queste sono giunte inopinate".  Tuttavia, ha continuato, "l'europeismo non è una moda", e "il modo migliore per contrastare i ripiegamenti identitari è lavorare con lungimirante concretezza per rafforzare la credibilità, l'affidabilità della casa comune europea: altrimenti, quando il vento cambierà e torneranno a spirare i venti nazionalisti, sarà molto complicato riuscire a contrastarli con la forza di soluzioni solide ed efficaci".

Rettore Firenze, grati a Conte per il servizio reso al Paese
"Con piacere accogliamo il rientro in Ateneo del professor Giuseppe Conte, dopo una complessa e difficile esperienza al servizio del Paese, per la quale mi sento di esprimere un sincero sentimento di apprezzamento e gratitudine" ha detto il rettore Luigi Dei, introducendo la lezione dell'ex presidente del Consiglio per gli studenti della Scuola di Giurisprudenza. "Lo saluto - ha aggiunto Dei - e gli do il benvenuto, il bentornato, a nome di tutta la comunità accademica e mio personale. Lunedì prossimo inizieranno le lezioni dei corsi di insegnamento della Scuola di giurisprudenza: possiamo considerare quindi la lezione odierna una sorta di anteprima della ripresa delle attività didattiche. Lo facciamo a distanza, per i motivi che ben conoscete, con l'auspicio che prima possibile si possa tornare all'università che amiamo, quella nelle aule, socializzante e satura di forti interazioni umane".

Conte torna prof a Firenze: terrà lezioni, seminari e conferenze
Lezioni, conferenze e seminari nell'ambito degli insegnamenti già programmati dei corsi di laurea di giurisprudenza, nonché dei corsi del dottorato di ricerca in Scienze giuridiche e della Scuola di specializzazione per le professioni legali. Questi gli impegni didattici, per il secondo semestre di questo anno accademico, per Giuseppe Conte all'Ateneo di Firenze, dove rientra essendosi conclusa l'aspettativa obbligatoria legata al suo incarico di premier. Gli impegni sono stati definiti nel corso dell'incontro che Conte ha avuto questo pomeriggio a Firenze con la presidente della  presidente della Scuola di Giurisprudenza, Paola Lucarelli, e con il direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche, Andrea Simoncini.

Condividi