Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Frana-nello-Stato-di-Washington-24-morti-e-176-dispersi-ba8b28cd-1671-4ab0-94e6-c65698ab7234.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il presidente Obama: "Situazione difficile"

Frana nello Stato di Washington, 24 morti e 176 dispersi

Bilancio sempre più drammatico per il disastro naturale che ha colpito la piccola località di Oso, a nord di Seattle. Si scava nel fango, ma le speranze di trovare sopravvissuti sono sempre più deboli

Soccorritori all'opera nell'area colpita dalla frana di Oso (Ansa)
Condividi
Seattle (Stati Uniti) Mentre le speranze di trovare dei sopravvissuti si affievoliscono di ora in ora, il numero delle vittime si fa sempre più drammatico. Sono 24 i morti accertati a causa della devastante frana che ha distrutto Oso, piccola località nello Stato di Washington a nord di Seattle. Si tratta però di un bilancio assolutamente provvisorio: nell’elenco dei dispersi ci sono ancora i nomi di 176 persone.
 
Scenario apocalittico
Più di 200 soccorritori continuano a scavare utilizzando mezzi meccanici e anche le mani, quando ci si avvicina a ciò che rimane di case e auto. Lo scenario è apocalittico: un’area grande un miglio quadrato è ricoperta dal fango che si è staccato dal fianco di una collina e dalla superficie emergono solamente detriti. “Troviamo auto deformate e fatte a pezzi – racconta il responsabile dei vigili del fuoco locali, Travis Hots – Non è accaduto solo alle vetture, ma anche alle case: c’è di tutto ed è sommerso da fango molto pesante. I lavoro procedono lentamente”.
 
Uno dei più grandi disastri nella storia statunitense
Anche se le autorità sperano che il numero di dispersi diminuisca perché qualcuno potrebbe non aver ancora contattato le proprie famiglie o perché potrebbero esserci errori negli elenchi, si tratta probabilmente del più grande disastro causato da una frana nella storia recente degli Stati Uniti. Il precedente più drammatico citato dallo US Geological Survey è la serie di frane e allagamenti che nel 1969 uccise 150 persone nella contea di Nelson, in Virginia.
 
Obama: “Situazione difficile”
Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha già dichiarato lo stato di emergenza, dando ordine al governo di fornire assistenza alle autorità locali. “Speriamo che tutto vada per il meglio, ma sappiamo che si tratta di una situazione difficile”, ha dichiarato.
Condividi