Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Frecciarossa-da-Milano-al-Sud-weekend-sold-out-De-Micheli-trasporti-Italia-piu-protetti-del-mondo-Riempimento-parziale-dei-treni-94a84812-2ec0-43a0-ac44-45c1c44a943e.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Riempimento parziale dei treni

Frecciarossa: da Milano al Sud weekend sold out. De Micheli: trasporti Italia più protetti del mondo

Condividi

Sono praticamente sold out tutti i biglietti sui treni Frecciarossa in partenza da Milano per il sud Italia del prossimo fine settimana, dopo che con il mantenimento delle norme sul distanziamento si sono dimezzati i posti vendibili sui treni. 

Al momento risulta infatti prenotabile solo un convoglio sabato 8 agosto per Napoli. Migliore, anche se non di molto, la situazione per Roma, per cui c'è un treno prenotabile anche domenica. 

"Il sistema dei trasporti italiano è in assoluto il più protetto del mondo". Lo ha affermato la ministra dei Trasporti Paola De Micheli, intervenendo ad Agorà su Rai tre a proposito della decisione di mantenere  il riempimento parziale sui treni.

La ministra ha parlato di retroscena "molto inventati" e ha spiegato  che quando  sono uscite le linee previste dal dpcm di luglio il quadro epidemiologico era mutato "con qualche contagio in più e quindi è stato deciso un approfondimento sul sistema di filtraggio dei treni che per quanto riguarda gli aerei era già stato certificato a livello europeo".

"Questo - ha spiegato -è il motivo per cui si può viaggiare in aereo in maniera differente".

Il Mit "non prevedeva il riempimento fino al 100%" dei treni a lunga percorrenza. Così la ministra ad 'Agorà'. "Abbiamo proseguito in questa valutazione progressiva di aumento della capienza", ha spiegato.

Il Piemonte non è nelle condizioni di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici, come previsto dall'ordinanza del ministro Speranza. Lo afferma l'assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, Marco Gabusi, interpellato dall'Ansa. "Ci faremo sentire presso il governo affinché la situazione venga sanata", aggiunge l'assessore del Piemonte, dove il distanziamento sui treni regionali non esiste più dal 10 luglio. "Abbiamo migliaia di utenti che rimarranno a piedi, che non potranno svolgere la loro attività lavorativa e non potranno nemmeno andare in vacanza...".

E la Regione Lombardia va avanti con la sua ordinanza che permette la piena occupazione dei posti a sedere sui treni regionali. Ma è convinta che si potrà trovare un accordo con il governo in sede di conferenza Stato Regioni. "Siamo convinti che giovedì si troverà un accordo" ha detto l'assessore ai Trasporti, Claudia Terzi, in collegamento con il TgR Lombardia, con "una precisazione dell'oggetto dell'intervento" del ministro Speranza, cioè precisando che la sua ordinanza vale per i treni a lunga percorrenza.

Condividi