Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Frosinone-donna-scomparsa-da-tre-giorni-continuano-le-ricerche-Trovati-oggetti-personali-1785375a-690a-4369-93ec-68a5323cd6e7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Si tratta di Gilberta Palleschi, 57 anni

Frosinone, donna scomparsa da tre giorni: continuano le ricerche. Trovati oggetti personali

La pista, che oramai stanno seguendo gli investigatori è quella più nefasta: l'omicidio o la morte violenta dovuta forse a un investimento

Gilberta Palleschi
Condividi
Sora (Frosinone) Vanno avanti a Sora, nel Frusinate, le ricerche di Gilberta Palleschi, 57 anni, l'insegnante di inglese di cui non si hanno più notizie da sabato mattina. La donna è segretaria regionale dell'Unicef. Il Comitato Unicef della regione Lazio e il Comitato Unicef della provincia di Frosinone si dicono "profondamente scossi e preoccupati" per la sua scomparsa.
 
Ieri carabinieri e vigili del fuoco, anche con l'utilizzo dei cani molecolari, sono andati avanti a perlustrare la zona lungo il fiume Fibreno, ma della donna non c'è traccia. Da quanto si è appreso, è stata trovata una sim che apparterebbe al suo telefonino. Oggi le ricerche proseguono con l'arrivo dei sommozzatori che devono scandagliare le acque del Fibreno e del Liri.
 
Ritrovati oggetti personali

Oltre alla sim sono stati trovati anche oggetti personali della donna: un prezioso bracciale, un mazzo di chiavi e le cuffiette dell'Ipad gettate tra l'erba a due passi dal fiume Fibreno. A fiutarli e a trovarli sono stati nel tardo pomeriggio di ieri i cani molecolari dei carabinieri.
 
La pista degli investigatori
La pista, che oramai stanno seguendo gli investigatori è quella più nefasta: l'omicidio o la morte violenta dovuta forse ad un investimento. 

I carabinieri della compagnia di Sora, insieme ai colleghi del Reparto operativo provinciale di Frosinone e al magistrato della procura di Cassino, Maria Beatrice Siravo, escludono che la donna possa essere rimasta vittima di un  malore o protagonista di un gesto inconsulto. Gli oggetti personali, disseminati lungo il sentiero dove ogni giorno passeggiava, fanno temere il peggio. Non si esclude che la donna, una volta morta, possa essere stata gettata nelle acque gelide del Fibreno. 
Condividi