Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Funivia-Mottarone-Stresa-disastro-Osservatorio-trasporti-Manutenzione-reti-e-insufficiente-dde7b11d-63f6-4a16-b9ee-5ea8c2c0fa84.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'incidente di Stresa

Disastro Funivia Mottarone, Osservatorio trasporti: "La manutenzione delle reti è insufficiente"

"Appare evidente che sono insufficienti le manutenzioni delle reti (stradali e ferroviarie) e inadeguati i sistemi di vigilanza ministeriali dell'Ansfisa" dice Dario Balotta, presidente dell'Osservatorio Nazionale Infrastrutture e Trasporti

Condividi
"Il gravissimo incidente dalla funivia Stresa-Mottarone ripropone con forza il tema della sicurezza nel settore dei trasporti e della viabilità. Dopo i recenti  crolli dei ponti stradali di Genova, Aulla (MC) e La Spezia e i deragliamenti di un treno locale a Pioltello (MI) e del treno Alta Velocità a Tavazzano (MI) appare evidente che sono insufficienti le manutenzioni delle reti (stradali e ferroviarie) e inadeguati i sistemi di vigilanza ministeriali dell'Ansfisa". Così Dario Balotta, presidente dell'Osservatorio Nazionale Infrastrutture e Trasporti a proposito della tragedia di Stresa in cui 14 persone hanno perso la vita.

"L'organo di vigilanza che recentemente ha unificato il settore stradale e quello ferroviario  lasciando nel limbo le funivie - spiega ancora Balotta - Infatti due anni fa il Ministero dei Trasporti aveva approvato un decreto, contenente i modelli dei regolamenti di esercizio per le varie tipologie di impianti a fune (seggiovie e funivie, sciovie e funicolari), in servizio pubblico per il  trasporto di persone. Si tratta di controlli per l'esercizio e la manutenzione degli impianti a fune adibiti al trasporto pubblico di persone che evidentemente non sono stati effettuati e che ancora una volta lasciano una grande ombra sulla gestione del Ministero dei Trasporti da poco diventato della Mobilità Sostenibile. Ministero che continua a proporre nuove opere senza curare la manutenzione di quelle già esistenti e vigilare sulla  loro sicurezza".
Condividi