Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Gdf-Sequestra-beni-per-270-milioni-a-noto-imprenditore-7a333253-7e35-4d5a-8ba5-d91ff37f16e7.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Nell'operazione impegnati 200 finanzieri

Gdf Sequestra beni per 270 milioni a noto imprenditore

Tra i beni sottoposti a sequestro società, conti correnti, centinaia tra fabbricati e terreni, 32 motoveicoli e 2 yacht di oltre 20 metri, per un valore di circa 270 milioni di euro

Condividi
Roma E' Giovanni De Pierro, imprenditore di 64 anni operante nel settore delle pulizie, del facchinaggio e del noleggio di auto, il destinatario del sequestro di beni per 270 milioni di euro, tra i quali i terreni sui quali sorge la discarica di Borgo Montello, in provincia di Latina, disposto dal tribunale di Roma, sezione Misure di Prevenzione.
   
200 finanzieri sono stati impegnati a Roma ed in altre località in una vasta operazione, con il sequestro dell'ingente patrimonio riconducibile a De Pierro, emigrato formalmente in Spagna ed indiziato di aver organizzato un sodalizio criminale dedito all'appropriazione indebita, alla truffa in danno di enti pubblici, alla bancarotta fraudolenta, al riciclaggio-reimpiego di capitali illeciti, al trasferimento fraudolento di valori ed alla perpetrazione di reati tributari.

Un patrimonio, secondo la procura, accumulato in 20 anni attraverso l'omesso pagamento di imposte e di altri oneri, come quelli destinati ad Inps e Inail da parte delle sue numerose società. Queste ultime, intestate a familiari e a prestanome, secondo l'accusa, avevano breve durata, massimo tre anni, venivano infatti fatte fallire e il personale dirottato nelle nuove società.
  
Gli accertamenti sull'imprenditore, in passato coinvolto in alcune inchieste giudiziarie, ma mai condannato, hanno preso le mosse dalla bancarotta di una delle sue società. Gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria delle fiamme gialle, coordinati dal colonnello Cosimo Di Gesù, hanno così scoperto che i redditi denunciati da De Pierro, seppure consistenti, 86 mila euro nel 2012, erano sproporzionati al patrimonio mobiliare e immobiliare posseduto.

Da qui il sequestro finalizzato alla confisca di 73 società nazionali, 14 estere, 15 consorzi, 174 unità immobiliari, 32 auto, 2 yacht di oltre 20 metri, oltre a rapporti bancari, postali, assicurativi ed azioni. Il tutto per circa 270 milioni di euro. 
Condividi