Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Germania-tutti-i-numeri-delle-elezioni-840c09ba-445b-4ec0-8e2f-a290fdff769f.html | rainews/live/ | true
EUROPA

La fine dell'era Merkel

Germania, tutti i numeri delle elezioni

Domenica al voto per il rinnovo del Bundestag

Il Bundestag (Wikipedia)
Condividi
Germania alle urne domenica per il rinnovo del Bundestag. Il Paese più popoloso dell'Ue si presenta al voto con 60,4 milioni di aventi diritto, 31,2 milioni donne e 29,2 uomini. Di questi 2,8 milioni sono i giovani che potranno esprimere il loro voto per la prima volta, avendo a disposizione in tutto 47 partiti tra cui scegliere.

Il sistema elettorale tedesco prevede due voti: il primo è per il mandato diretto al candidato di uno dei 299 collegi elettorali nei quali è organizzata la Repubblica federale, mentre il secondo voto è per il partito. Nel 2017 il Bundestag ha eletto 709 deputati ma il numero è variabile, secondo un complesso meccanismo di rappresentanza. Per esprimere un deputato in Parlamento ogni partito deve superare la soglia di sbarramento del 5% dei voti. Una misura stabilita per evitare la frammentazione eccessiva della compagine politica e il rischio di ingovernabilità: la Linke, che nel rilevamento delle intenzioni di voto è data al 6%, rischia di restare fuori.

I cittadini tedeschi avranno tempo fino a domenica alle 16 per votare per gli organi legislativi e i primi exit-poll arriveranno intorno alle 18. Quest'anno la grande novità, causata anche dalla pandemia del coronavirus, è il voto postale. Il Commissario federale per le elezioni Georg Thiel ha fatto sapere che il voto per corrispondenza potrebbe essere più del doppio rispetto alle precedenti elezioni, quindi oltre il 40%.

Nel 2017 la Cdu fu il partito più votato con il 32,9% dei consensi, mentre i socialdemocratici dell'Spd registrarono il loro minimo storico attestandosi al 20,5%. Il partito di ultradestra Alternative fuer Deutschland (Afd) si classificò al terzo posto con il 12,6%, mentre i liberali del Fdp si fermarono al 10,7%, la Linke al 9,2% e i Verdi all'8,9%.
Condividi