Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Green-pass-Gelmini-Puo-essere-esteso-Obbligo-vaccinale-Non-e-eresia-1d88c24e-3c7f-4917-a5e1-10f35fd9d193.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Gelmini: l'uso del Green pass "può essere esteso". Obbligo vaccinale? "Non è un'eresia"

"Saranno decisivi i dati dei prossimi quindici giorni", ha detto la ministra per gli Affari regionali

Condividi
"È ancora presto per fare un bilancio, perché i dati sono condizionati dall'effetto generale agosto". Del resto era prevedibile un rallentamento di queste ultime settimane nella campagna di vaccinazione. Saranno decisivi i dati dei prossimi quindici giorni. L'utilizzo del Green pass può essere esteso". 

Così in un'intervista al "Corriere della Sera" la ministra per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini. Preoccupati per la ripresa di settembre? "Seguiamo con attenzione i dati: è doveroso mantenere alta la vigilanza, ma se facciamo un ultimo sforzo con la vaccinazione, possiamo guardare con cauto ottimismo all'autunno. È possibile - con la ripresa di tutte le attività e le scuole - che i contagi abbiano una crescita significativa, ma senza le gravi conseguenze cui eravamo abituati", ha aggiunto. 

Obbligo vaccinale non è eresia
Si arriverà all'obbligo vaccinale per i servizi pubblici? "Concordo con il ministro Brunetta: il vaccino sarebbe indispensabile per chi fa front office nella Pa e per chi lavora nei servizi pubblici. Del resto l'obbligo vaccinale non è un'eresia: esiste già per alcune malattie. Una decisione del genere però spetta al Parlamento. La mia opinione è che occorre attendere i dati: se dovessimo giudicare irraggiungibile la copertura dell'80% della popolazione non vedrei alternative", ha detto la ministra Gelmini.

Green pass per gli studenti
Alla domanda se è possibile che si richieda il Green pass anche per gli studenti sotto i 18 anni, ha poi risposto: "Faccio parte di un movimento che ha sempre creduto nei vaccini e nella scienza. E i numeri ci stanno dando ragione. Ma la scuola è un diritto universale: il Green pass per gli studenti può esistere solo nel contesto di un obbligo generale esteso a tutti. Il dato del 60% dei ragazzi fra 16 e 19 anni con già almeno una dose è incoraggiante". Secondo Gelmini, ancora, "non abbiamo acquistato oltre 100 milioni di dosi di vaccini per far lavorare gli italiani da casa. Lo smart working deve tornare a essere una possibile modalità di organizzazione del lavoro, prescindendo dai contagi. Ma dobbiamo tornare prima possibile alla normalità, anche sui luoghi di lavoro".
Condividi