Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Grillo-sul-blog-Virgi-Roma-nun-te-merita-5a7dfbbe-21b3-46a1-90e0-0b37b8ebf12b.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Sul blog

Grillo sul blog alla sindaca Raggi: "Virgì, Roma nun te merita". "Se n’annamo"

Beppe Grillo ha postato un "sonetto" in difesa di Virginia Raggi dal titolo 'Virgi, Roma nun te merita' (Virginia, Roma non ti merita). Nel testo, in dialetto romanesco, scritto da Franco Ferrari, si invita la sindaca e "tutti gli onesti

Condividi
Virgi', Roma nun te merita", scrive Beppe Grillo, che pubblica sul suo blog un "sonetto" con questo titolo, opera di Franco Ferrari, che il fondatore del M5s ringrazia.

"A Virgì, pijia na valigia, tu fijio, tu marito, famme un fischio, che se n’annamo via da sta gente de fogna. Lassa perde. Nun te spormonà, sta a fa un bucio de culo, puro senza rubbà, e , chi te critica quà, chi te critica là, chi c’ha er pupo sur fòco, e, jielo devi da tojie, e n’artra che se lamenta che nun je risponni, che nun la vai a sentì, che c’ha puro lei quarche cosa da lamentasse. E che cavolo! Se chiama Virginia, mica è la Madonna der Divino Amore! Quella, dice , che fà li miracoli".

E' quanto si legge sui social di Beppe Grillo che scrive: "Ringrazio Franco Ferrari per questo suo sonetto".

"Sò de Roma, e sò settant’anni che ce vivo, e, ogni quarvorta che vinceva un sindaco, me mettevo de buzzo bòno a vedè quello che faceva - prosegue il brano -. A Roma se dice che: li cavalli se vedeno all’arivo! E io li ho sempre giudicati alla fine de la corsa. Voi no, cari romani, voi dovete da rompe er ca’… sempre. Nun è da oggi. Sò circa tremila anni che rompete li cojoni, ma nun fate mai gnente pé dà na mano, anzi, giù botte!"

"Ve meritate Carraro, Signorello, Darida, Veltroni, Rutelli, Alemanno ! Marino - si legge -. Da che sò vivo e capiente, solo Petroselli era ben visto da tutti, ma, er Signore se lo prese de corsa, forse voleva mette a posto er paradiso. Tutto er resto, monnezza su monnezza, de persone, o de opere, e li buffi c’hanno invaso la città. L’anima de li mejo morta… vostra, si nun ve spicciate a sostenè sta pòra ragazza, armeno, senza metteje li bastoni fra le ròte, cari romani, ve devo da di che sète proprio infami. E si, perché nun ve basta che ve compra l’autobusse co l’aria fredda e calla, nun ve basta che ve rifà tutte e strade, nun ve sta bene che ve regala er mare libero, aricordateve quanno pe annà su la spiaggia dovevate da pagà l’ingresso, sveja! Era tutta mafia, ve stava bene? No. Perché sentivo tutti che se lamentaveno, e, nun c’era un buco dove potè annà ar mare".

"Pé questo ve dico che l’onesti dovrebbero pijà e valige, e, annassene, abbandonà sta città bella e zoccola. Si vincheno li vecchi partiti, sète fottuti - conclude -. Nun se farà più gnente, e, si se farà quarcosa sarà pé volere de la magistratura. Ma voi, godete a sputà in faccia a na sindaca pulita, e testarda, una che le cose le fa. Pensatece , c’avete undici mesi de tempo, pé pensacce bene. O volete Roma, o sète morti, che Roma, quell’artri, se la magneno".
Condividi