Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Hong-Kong-a-ruba-le-500mila-copie-dell-Apple-Daily-7bb34422-6c3f-4999-addb-7173a7a13800.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il giorno dopo gli arresti

Hong Kong, solidarietà dopo il blitz: a ruba 500mila copie dell'Apple Daily

La prima pagina di oggi ha riportato il raid con i 500 agenti, rimarcando l'avvenuto sequestro di 44 dischi di memoria come prova

Condividi
Le copie dell'Apple Daily, il tabloid pro-democrazia di Hong Kong, sono andate a ruba nonostante il numero monstre di 500mila unità finite nelle edicole, invece delle tradizionali 80mila. 

All'indomani del blitz della polizia con 500 agenti nella redazione del quotidiano e gli arresti del suo direttore Ryan Law e dei vertici della società editrice Next Digital, gli abitanti dell'ex colonia hanno espresso la loro solidarietà per un'azione spettacolarizzata che mette a rischio la libertà di stampa, parte di un'indagine per verificare se alcuni articoli fossero una minaccia per la sicurezza nazionale cinese. 

Il popolare giornale fondato 26 anni fa da Jimmy Lai, in carcere da fine 2020, combina interventi a favore della democrazia a pettegolezzi sulle celebrità e sulle indagini contro coloro che sono al potere: alcune edicole nel centro hanno già nel primo mattino pubblicato già l'annuncio del tutto esaurito per l'Apple Daily.

La polizia, oltre ai 5 arresti, ha congelato asset del valore di 2,3 milioni di dollari di beni di proprietà di tre società collegate alla testata. 

Il blitz di ieri è stato il secondo nella redazione del tabloid, dopo quello eseguito lo scorso anno con l'arresto del tycoon Jimmy Lai, attivista pro-democrazia e convinto critico di Pechino, proprietario di Next Digital che pubblica l'Apple Daily. Anche questa volta il giornale ha mandato in stampa un numero simile di copie a quello seguito all'arresto di Lai di agosto 2020. 

La prima pagina di oggi ha riportato il raid con i 500 agenti, rimarcando l'avvenuto sequestro di 44 dischi di memoria come prova e l'indagine che, per la prima volta, mette nel mirino gli articoli dei media come potenzialmente in violazione della legge sulla sicurezza nazionale, imposta da Pechino a giugno 2020 in risposta alle proteste di massa pro-democrazia ddel 2019. 

L'Ue e la Gran Bretagna hanno criticato il raid, una conferma di come la Cina stia usando la legge per reprimere il dissenso piuttosto che occuparsi della sicurezza pubblica, mentre gli Stati Uniti hanno affermato che l'uso "selettivo" della legge ha preso di mira "arbitrariamente" i media indipendenti.
Condividi