Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/I-siti-e-i-temi-online-rassegna-stampa-internazionale-di-Rainews24-6d832002-f936-4a00-8826-5528157b80c1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Venerdì 24 settembre 2021

I siti e i temi online, rassegna stampa internazionale di Rainews24

Condividi
di Paolo Cappelli Finisce la campagna elettorale in Germania, non finisce la lotta dei riders di NY, ma ottiene un primo risultato importante, finisce la benzina nel Regno Unito.




The Sun
Benzina finita (siamo stremati).
Esplode la crisi del carburante. BP e Tesco chiudono le stazioni di rifornimento, mentre l'aumento del gas minaccia di svuotare gli scaffali di alimentari  




The I
Benzina razionata, le stazioni di servizio colpite dalla penuria di camionisti.
BP Esso e Tesco, tre dei maggiori operatori sul mercato accusano carenze di rifornimenti mentre si accentua la distruzione della catena britannica di forniture
Non mancano i carburanti nel Regno Unito, mancano i camionisti in grado di portarlo alle stazioni di servizio, e alcune chiudono. Il Paese non resterà senza benzina o senza alimentari ma accuserà molti altri problemi nelle consegne l'anno prossimo.
BP aveva avvertito il Governo la scorsa settimana delle difficoltà. Ma Downing Street rifiuta di dare ai camionisti dell'Unione europea un'esenzione dalle regole di immigrazione nel Regno Unito

The Times
Niente panico, raccomanda Downing Street dopo che BP taglia i rifornimenti.
Il Governo potrebbe ricorrere a militari per far guidare a destinazione i camion con la benzina. Ma nel gabinetto il tema è dibattuto, c'è chi dice autorizziamo i camionisti europei a entrare in deroga alle leggi sull'immigrazione, c'è chi si oppone e sostiene che basterebbe che le compagnie pagassero di più i camionisti britannici per trovarne altri
Nella foto, abbastanza irriconoscibile rispetto all'immagine nel riquadro stondato, Linda Evangelista. La top model canadese, venerata negli anni '90, 56 anni, improvvisamente scomparsa dai riflettori 5 anni fa, ieri su Instagram ha svelato il suo dramma: un intervento di cosmesi le ha deformato il volto. Lei che una volta scherzava sul fatto che top model non si svegliano per meno di 10mila dollari al giorno ora ne investirà parecchi in avvocati contro l'azienda che commercializza un prodotto 'mangia grassi' di criolipolisi che l'ha costretta a due operazioni e l'ha fatta precipitare in depressione

The Guardian
Allarme carburanti per la crisi della catena di rifornimento.
Non siamo ai livelli di crisi del 1973, quando si parlava di automobilisti costretti a utilizzare i buoni di razionamento della benzina come nella seconda guerra mondiale. Né il governo sta affrontando uno sciopero dei piloti di petroliere, come accadde all'inizio del 1979. Le cose non vanno ancora così male, anche se il governo sarà consapevole del rischio che presto potrebbero farlo. L'ultima istantanea dell'Office for National Statistics mostra che l'industria dei trasporti e dello stoccaggio ha attualmente solo l'80% delle imprese che lavorano, il più basso per qualsiasi settore dell'economia. Alcune aziende hanno cessato l'attività durante la pandemia, molte altre sono temporaneamente chiuse per mancanza di personale. La paga bassa è un fattore chiave. Guidare un veicolo pesante è un lavoro duro che viene ricompensato relativamente poco. La BP e le altre compagnie petrolifere stanno ora lottando per mantenere il personale in un momento in cui le grandi catene di supermercati offrono bonus di 1.000 sterline ai nuovi conducenti.  Il governo dice che sta rendendo più facile per i nuovi camionisti ottenere la patente per i mezzi pesanti, ma questo non aiuterà molto a breve termine. I ministri sono sottoposti a crescenti pressioni per allentare le restrizioni sui visti per i conducenti dell'UE, ma questa non è una bacchetta magica perché ci vorrebbero mesi prima che arrivino nuovi lavoratori.
Come Jim Callaghan (primo ministro laburista) nel 1979, Downing Street dice che non c'è crisi e consiglia agli automobilisti di andare avanti normalmente. In silenzio, tuttavia, i ministri lavorano su piani di emergenza con l'arruolamento di soldati per rifornire di carburante. Non sarebbe una buona idea per Boris Johnson ospitare la conferenza sui cambiamenti climatici Cop26 di novembre con il paese fermo.

FT
I conservatori temono la punizione degli elettori per il costo della vita.
Rishi Sunak è sotto la crescente pressione dei Tory per ammorbidire l'impatto dell'aumento del costo della vita quest'inverno, con un anziano deputato che traccia paralleli con le difficoltà delle famiglie negli anni '70 e '80.  Il cancelliere è accerchiato da richieste su base quasi quotidiana, con le famiglie che affrontano forti aumenti nelle bollette energetiche, prezzi alimentari più alti e, secondo la Banca d'Inghilterra ieri, l'inflazione che si sta dirigendo sopra il 4%.  La chiusura, anche se temporanea, di alcune stazioni di servizio a causa di una carenza di autisti ha aumentato le preoccupazioni tra i deputati Tory che il paese stia andando verso alcuni mesi bui.
Per ora Sunak sta tenendo la posizione, opponendosi a richieste di un maggiore sostegno finanziario per le famiglie nella manovra del mese prossimo, sostenendo che i salari in aumento e un mercato del lavoro vivace stanno attenuando l'impatto dei prezzi più alti. Spera che le impennate dei prezzi e l'interruzione dell'approvvigionamento si rivelino temporanee, ma Damian Green, un ex ministro, ha detto: "Stiamo assistendo a un cambiamento significativo nelle sfide economiche che questo paese deve affrontare. Il costo della vita era una preoccupazione enorme negli anni '70 e '80 e la questione è tornata in primo piano". Nessuna decisione finale è stata presa, ma Sunak sarà costretto ad affrontare la questione del costo della vita nel suo bilancio del 27 ottobre.

La Banca d'Inghilterra prevede l'inflazione oltre il 4% mentre si avvicina il rialzo dei tassi.

Liberation
I prossimi giorni che preoccupano e disilludono.
Carenza di manodopera, catena logistica incrinata, prodotti mancanti, partenze dei cittadini europei... Con la graduale fine della crisi Covid, il Regno Unito inizia a vedere le conseguenze della sua uscita dall'Unione Europea.
Dopo la Brexit, il rischio disastro, di Don Alfon.
Gli idraulici stranieri se ne sono andati. La scarsità di verdure fa sì che molte persone debbano accontentarsi di un piatto all'inglese, i French cut. E niente è più imbarazzante della scomparsa dei supermercati dalla carta igienica, la toilet paper, derivato inglese della parola francese "toile". Due anni dopo l'inizio della Brexit, centinaia di migliaia di autisti, agricoltori, camerieri, idraulici e persino medici, che lavoravano in Gran Bretagna con i loro passaporti europei, sono tornati nel loro paese senza alcuna intenzione di tornare. Paradossalmente, questa carenza, che peggiora di settimana in settimana, crea a volte avanzi spaventosi: ci sono attualmente 70.000 suini in eccesso negli allevamenti e, per mancanza di camionisti, verranno distrutte grandi quantità di latte e uova invendute. Un imprevedibile, o quantomeno imprevisto, spreco alimentare, ecologico ed economico. La data fatidica per valutare i danni della Brexit è ovviamente il Natale, che rischia di trasformarsi in un disastro per le imprese se la situazione non migliora. Vai a cucinarti un uovo, Boris, almeno se riesci a trovarne uno al supermercato sotto casa.

RP
Scontro verbale finale.
I leader dei 7 maggiori partiti al Bundestag si sono dati battaglia a tre giorni daò voto.





Welt 
I tedeschi felici che la campagna elettorale sia finita.
Il fatto che i tedeschi di per sé abbiano una forte tendenza all'insoddisfazione è vero dai tempi di Bismarck. E quindi non sorprende che la maggioranza della popolazione tedesca (89%) sia felice che la campagna elettorale federale finisca presto, come ha mostrato un sondaggio Civey per "Die Zeit". La maggior parte degli elettori ha quindi già deciso per un partito. Quasi i tre quarti sanno già per chi voteranno domenica, come mostra un altro sondaggio YouGov, solo 11% deciderà all'ultimo.
La SPD di Olaf Scholz arriva al voto come favorita, mentre l'Unione è ai minimi storici nei sondaggi, sia pure in sensibile recupero negli ultimi giorni. Il distacco è intorno a due-quattro punti percentuali. 

Cosa ha funzionato fin qui per Olaf Scholz:
1) Il candidato paziente.
2) L'unità del partito. L'unità che l'SPD mostra sotto la nuova leadership del partito, inizialmente derisa da molti, è uno dei vantaggi decisivi sull'Unione, che è stata più volte coinvolta nelle lotte di potere interne dopo le dimissioni di Angela Merkel dalla carica di leader della CDU.
3) pochi argomenti e comunicati bene
Affitti convenienti, salari minimi più alti , pensioni stabili, più tasse per i super ricchi. Scholz si è concentrato su alcuni messaggi chiave della sua campagna elettorale.
4) La campagna (quasi) senza errori.
5) Le difficoltà degli avversari. Scholz trae giovamento dal fatto che la salita di Baerbock è stata improvvisamente rallentata da un misto di presunzione ed eccesso di zelo e che Laschet non è mai andato veramente avanti. Molti tedeschi hanno già votato. Il voto postale sta guadagnando popolarità a causa della pandemia. Solo a Berlino e Monaco, le domande sono aumentate di oltre il 50%. Si può già presumere che il voto per corrispondenza porterà a discussioni.

FAZ
Jasper von Altenbockum: la domanda ormai è: chi andrà con chi dopo il voto?
Il Partito della Sinistra ha aperto a un governo con SPD e Verdi. La CDU/CSU e la FDP, invece, si guardano in direzione "Giamaica" (Unione liberali e verdi) o "semaforo" (l'alleanza verde-giallo-rosso tra Gruenen, liberali della Fdp e Spd). I partiti decisivi saranno così FDP e Verdi e potrebbe essere che alla fine cerchino loro il Cancelliere, e non il contrario. Quali argomenti, quali punti del programma giocheranno il ruolo più importante?
Se FDP e Verdi devono decidere con chi vogliono governare, il documento esplorativo dei falliti colloqui per una coalizione Giamaica del novembre 2017 è interessante. Le parti erano ancora divaricate in molti capitoli, le trattative si sono poi interrotte sulla tassa di solidarietà - la CDU/CSU e la SPD in seguito non hanno avuto grossi problemi a superare questa scogliera. Un secondo scoglio è il salario minimo. Olaf Scholz ha promesso con noncuranza (e poi abilmente relativizzato) che con lui come cancelliere presto dovrà essere di 13 euro. Può farcela con i Verdi e il Partito della Sinistra. La Sinistra vuole 13 euro, ma è disposta a scendere a compromessi. CDU/ CSU e FDP sono contrari ad un aumento "politico", insistono sulla contrattazione collettiva. Tuttavia, non vogliono escludere completamente un aumento: la domanda è in quale lasso di tempo e chi deciderà.

Bild 
L'arrivederci di Angela Merkel. Foto di una decina di anni fa







The Economist
La confusione che lascia la Merkel.
Nei suoi 16 anni in cancelleria, Angela Merkel ha superato una serie di crisi, da quelle economiche a quelle pandemiche. Le sue capacità di forgiatrice di consenso hanno servito bene il suo paese e l'Europa. Ma il suo governo ha trascurato troppo, a livello nazionale e internazionale. La Germania è prospera e stabile. Eppure i problemi stanno nascendo. Dopo una campagna poco brillante che non è riuscita ad affrontare i problemi incombenti della Germania, il mondo si aspetta che i colloqui di coalizione post-elettorali durino per mesi, facendo bloccando la politica europea e dando vita alla fine a un governo che non riesce a fare molto. Questo è il macello che la signora Merkel si è lasciata alle spalle.

NYT
New York approva progetti di legge per migliorare le condizioni dei lavoratori delle consegne.
Un pacchetto di leggi del consiglio comunale ha stabilito la retribuzione minima e le condizioni di lavoro, ponendo New York in prima linea nella regolamentazione di un'industria multimiliardaria.

Dall'inizio della pandemia, i lavoratori delle consegne di cibo in bicicletta sono diventati caratteristiche ancora più onnipresenti del paesaggio urbano di New York, guadagnando bassi salari e spesso sfidando condizioni meteorologiche orribili, strade pericolose e la minaccia di rapina per portare alla gente i loro ordini da asporto a tutte le ore della giornata.

Il numero di addetti alle consegne, la maggior parte dei quali immigrati, è salito a oltre 80.000, secondo la città, ma le loro condizioni di lavoro rimangono nel migliore dei casi difficili e nel peggiore dei casi orribili.

La legislazione impedisce alle app di consegna di cibo e ai servizi di corriere di addebitare le commissioni ai lavoratori per ricevere la loro paga; fa sì che le app rivelino le loro politiche di gratuità; vieta alle app di addebitare agli addetti alle consegne i sacchetti di cibo isolati, che possono costare fino a $ 50; e richiede ai proprietari di ristoranti di mettere a disposizione i bagni per gli addetti alle consegne.

Il pacchetto tuttavia, non è all'altezza in vari modi, hanno affermato i rappresentanti dei lavoratori. I lavoratori delle consegne, ad esempio, sarebbero ancora classificati come appaltatori indipendenti che non possono beneficiare di indennità di disoccupazione o sussidi di disoccupazione.
Condividi