Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Il-Papa-incontra-i-giovani-al-Circo-massimo-3f6f28e2-6d9e-4817-937a-3d738317289a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Bergoglio in piazza San Pietro per nuovo incontro con giovani

Il papa ai giovani: i vostri sogni sono i più importanti, fate che siano il vostro futuro

Oggi la messa a San Pietro per i giovani pellegrini arrivati a Roma che ieri in 50mila hanno partecipato all'incontro con il Papa

Condividi
Papa Francesco, a bordo della 'papamobile' aperta, è entrato in piazza San Pietro, per il nuovo incontro con i giovani italiani, dopo quello di ieri pomeriggio al Circo massimo, in vista del Sinodo di ottobre. Finita la messa del cardinal Bassetti, presidente della Cei, il papa ha fatto ingresso in piazza girando con la 'jeep' tra la folla plaudente e colorata di ragazzi e ragazze, che sventolano bandiere, fazzoletti e cappellini. Francesco, acclamato dai giovani, ha dispensato dalla 'papamobile' saluti e benedizioni sui due lati del suo percorso.
 
Dopo l'indirizzo di saluto del cardinal Bassetti, il pontefice conferirà ai giovani il mandato missionario e benedirà i doni che i ragazzi italiani porteranno alla prossima Giornata mondiale della gioventù (Panama, 22-27 gennaio 2019): il crocifisso di san Damiano e la statua della Madonna di Loreto. Quindi Francesco guiderà la recita dell'angelus e infine benedirà i giovani che, al termine della celebrazione, faranno ritorno nelle proprie diocesi di provenienza.

Ieri al Circo massimo 50mila giovani
Grande abbraccio tra papa Francesco e una sterminata folla di giovani al Circo Massimo a Roma. "I sogni sono importanti. Tengono il nostro sguardo largo, ci aiutano ad abbracciare l’orizzonte, a coltivare la speranza in ogni azione quotidiana. E i sogni dei giovani sono i più importanti di tutti, sono le stelle più luminose, quelle che indicano un cammino diverso per l’umanità. Ecco, cari giovani, voi avete nel cuore queste stelle brillanti che sono i vostri sogni: sono la vostra responsabilità e il vostro tesoro. Fate che siano anche il vostro futuro!", ha detto il papa agli oltre 50mila che l'hanno atteso per ore sotto il sole cocente. "Il vostro lavoro è trasformare i sogni di oggi nella realtà del fuituro e per questo ci vuole coraggio", aggiunge Bergoglio. 

Non abbiate paura, rischiate 
Poi: "Sapete? I sogni dei giovani fanno un po' paura agli adulti. Forse perché hanno smesso di sognare e di rischiare, forse perché i vostri sogni mettono in crisi le loro scelte di vita. Ma voi non lasciatevi rubare i vostri sogni. Cercate maestri buoni capaci di aiutarvi a comprenderli e a renderli concreti nella gradualità e nella serenità. Siate a vostra volta maestri buoni, maestri di speranza e di fiducia verso le nuove generazioni che vi incalzano", ha esortato il Papa. "Cari giovani, no alla paura. Siate pellegrini sulla strada dei vostri sogni. Rischiate su quella strada, non abbiate paura. Rischiate perché sarete voi a trasformare in realtà i vostri sogni - ha proseguito -. La vita non è una lotteria in cui solo i fortunati possono realizzare i loro sogni". 

No alle 'pastiglie' che vi fanno sognare 
"'Padre, dove posso comprare la pastiglie che mi fanno sognare?' No, quelle no! Quelle ti addormentano il cuore, ti bruciano il neurone, ti rovinano la vita", ha poi detto papa Francesco, parlando 'a braccio', nel suo dialogo con i giovani italiani al Circo Massimo. 

Il papa acclamato da oltre 70mila giovani
Acclamato a gran voce dalla folla al suo arrivo, papa Francesco ha percorso tutta l'area sulla 'papamobile' aperta, salutando e benedicendo la folla di ragazzi e ragazze sui due lati del suo tragitto, tra uno sventolio di bandiere, fazzoletti e cappellini colorati. Due i momenti focali: stasera al Circo Massimo per la veglia e domenica mattina in Piazza San Pietro, dove papa Bergoglio benedirà la statua della Madonna di Loreto e il Crocifisso di San Damiano: i doni che i giovani italiani porteranno alla diocesi di Panama per la Gmg che vi si svolgerà nel gennaio 2019. 

Il discorso del pontefice

Condividi