Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Immigrati-Alfano-Prefetti-che-non-se-la-sentono-lo-dicano-Sindacato-Nessuno-si-tira-indietro-b419cf5c-8cf6-4e7b-8c34-f79c2b41b67e.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La vicenda

Immigrati, Alfano: "Prefetti che non se la sentono lo dicano". Sindacato: "Nessuno si tira indietro"

Botta e risposta tra il presidente del principale sindacato di categoria e il ministro dell'Interno. Il 21 luglio Palomba aveva detto: noi prefetti siamo lasciati soli sull'immigrazione; Alfano: chi non ha le spalle larghe, lasci. Prefetto di Milano: rispetto le direttive

(archivio foto ansa)
Condividi
"In questi mesi nessuno di noi si è tirato indietro nonostante le difficoltà". Claudio Palomba - presidente del Sinpref, sindacato dei prefetti - replica al ministro dell'Interno Angelino Alfano.

Le parole di ieri di Palomba hanno innescato una polemica sul rapporto tra prefetti e governo principalmente sul tema immigrazione su cui aveva dichiarato: "Siamo lasciati soli" ad affrontare le emergenze.

Alfano: Lascino se non hanno spalle larghe
"Abbiamo fiducia nei prefetti, ma poi, se c'è qualcuno che si spaventa di fronte alle polemiche, che non ha le spalle larghe per reggere l'urto di queste difficoltà, che non ha l'abilità per organizzare in modo manageriale l'accoglienza, allora lo dica chiaramente, faccia un passo indietro oppure che ne accorgiamo noi e lo sostituiamo", ha detto il ministro dell'Interno parlando a margine della presentazione del piano servizi per l'esodo estivo.

Palomba: Nessuno si tira indietro
"Non condivido quanto affermato dal ministro. E' l'amministrazione che dovrebbe capire se ci sono zone difettose, nessuno di noi si tira indietro", ha detto Palomba che ieri aveva chiesto anche un incontro ad Alfano, ma su questo fronte, dice, al momento non ci sono ancora novità.

"Rimango perplesso per quello che ha detto il ministro - ha aggiunto - e anzi se il governo può dire di aver affrontato il fenomeno, è grazie allo sforzo del personale di tutte le prefetture, che sta comunque affrontando l'emergenza con strumenti ordinari".

Il sistema dell'accoglienza, ha puntualizzato Palomba, "ha tenuto proprio grazie alla rete delle prefetture. Qualcuno prospetta di farlo gestire da organi politici. Ma - ha concluso - ritengo siano necessari organismi di garanzia, che assicurino l'imparzialità"

Prefetto Milano: rispetto le direttive
Il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca in una nota invece ha scritto: "Più i momenti sono complessi, più il ruolo del Prefetto richiede professionalità, determinazione e serietà, qualità quest'ultima che impone ad un rappresentante del Governo di astenersi da qualsiasi polemica, soprattutto in sede istituzionale".

"I Prefetti - ha aggiunto - oggi stanno svolgendo un ruolo determinante nella gestione sul territorio del fenomeno migratorio, attivando ogni sinergia per individuare soluzioni, nel pieno rispetto dei diritti sia della collettività locale, sia degli stessi stranieri bisognosi di assistenza e accoglienza. Nel perseguire questi obiettivi il Prefetto si attiene alla strategia attenta e razionale elaborata dal governo".

"A testimonianza di questo quotidiano impegno che i Prefetti stanno dimostrando - ha proseguito il Prefetto di Milano - sono le continue espressioni di vicinanza e apprezzamento manifestate ripetutamente sia dal presidente del Consiglio Renzi, sia dal ministro dell`Interno Alfano, che con le proprie direttive non ha mancato mai di fornire ai Prefetti indirizzi e sostegno. Un ringraziamento - ha concluso - va pertanto al governo ed al ministro dell`Interno per il sostegno e l`impegno profuso nella valorizzazione del ruolo delle Prefetture e del Corpo prefettizio". 
Condividi