Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Iraq-nuove-proteste-dopo-la-morte-di-un-attivista-e-il-tentato-omicidio-di-un-comico-tv-35cbd7d6-134d-4427-8368-653dd2dd6eef.html | rainews/live/ | true
MONDO

Iraq, nuove proteste dopo la morte di un attivista e il tentato omicidio di un comico tv

Thaer al Tayeb, è l'ultimo, in ordine di tempo, di una serie di attivisti che hanno perso la vita da quando è cominciata, poco più di tre mesi fa, una protesta di massa. La notte scorsa qualcuno ha cercato di uccidere il comico tv Aws Fadhil, sparando all'indirizzo della sua automobile

Condividi
Divampa nuovamente la protesta in Iraq, riaccesa dalla morte di un famoso attivista e dal tentato omicidio di un comico televisivo. Thaer al Tayeb, attivista di Diwaniyah, circa 200 km da Baghdad, è morto per le ferite riportate in un attentato contro lui e un altro attivista, il cui veicolo venne fatto saltare in aria mentre loro si trovavano a bordo.

A Diwaniyah, dove sono stati celebrati i funerali dell'attivista, sono state incendiate le sedi di due delle milizie più temute e odiate dai manifestanti: la filo-iraniana Badr, che fa riferimento a parlamentare Hadi al Ameri, e Assaib Ahl Al Haq, i cui vertici sono stati colpiti di recente da sanzioni americane perche' considerati responsabili di sequestri, omicidi e torture.

Tayeb, è l'ultimo, in ordine di tempo, di una serie di attivisti che hanno perso la vita da quando è cominciata, poco più di tre mesi fa, una protesta di massa contro il carovita e l'ingerenza di Teheran nel Paese e per una legge elettorale, d'impronta uninominale. Adesso tocca ai comici: la notte scorsa qualcuno ha cercato di uccidere Aws Fadhil, che dagli schermi dalla tv ha costruito la propria celebrità come comico e battutista, sparando all'indirizzo della sua automobile, sulla quale l'artista viaggiava.

"Attaccano coloro che appoggiano la rivoluzione - ha detto il comico - ma noi continuiamo e un obiettivo lo abbiamo raggiunto". Il riferimento è all'approvazione della legge elettorale da parte del Parlamento, che però rischia di essere svuotata da una riforma delle circoscrizioni che potrebbe premiare i notabili e ostacolare l'arrivo al potere di tecnici e indipendenti.

Teheran è uno dei bersagli indiretti della protesta in Iraq, condotta soprattutto da giovani - nel Paese il tasso di disoccupazione giovanile è al 25%, il doppio della media nazionale - delle città del sud a maggioranza sciita, che sono scesi in piazza, sfidando il coprifuoco imposto dalle autorità, contro una classe politica considerata corrotta e avvezza all'appropriazione di fondi pubblici, in un paese dilaniato da 15 anni di guerra civile de facto e con infrastrutture carenti, ulteriormente provate dalla recente guerra all'Isis.

L'Iraq è il secondo produttore di petrolio dell'Opec, ha le quinte più estese riserve di petrolio al mondo ma il 22,5% degli iracheni vive sotto la soglia di povertà,  secondo i dati della Banca mondiale. Il governo iracheno è sostenuto simultaneamente dagli Stati Uniti e dall'Iran, che però ha oggi un peso visibilmente maggiore degli americani nelle dinamiche interne, soprattutto grazie ai rapporti intessuti tra le scuole religiose sciite dei due paesi e dal ruolo che le milizie sciite - formate e sostenute dall'Iran - hanno avuto nella guerra contro Isis.  Proprio le milizie - molte delle quali hanno dei partiti politici di riferimento, entrati in parlamento e poi nel governo. 
Condividi