Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/La-Russia-espelle-dieci-diplomatici-americani-786c05a6-39f8-4608-9e88-9a87f3ecc43f.html | rainews/live/ | true
MONDO

"È un nuovo tipo di sport prendersela con la Russia"

La Russia espelle dieci diplomatici americani

Nell'annuale discorso all'Assemblea federale il presidente russo aveva lanciato un monito: "Spero che a nessuno venga in mente di oltrepassare le linee rosse"

Condividi
Dieci dipendenti della missione diplomatica americana a Mosca sono state dichiarate "persona non grata". La comunicazione della decisione è stata consegnata al vice ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, Bart Gorman, convocato dal ministero degli Esteri russo.

"Il 21 aprile, il vice capo della missione diplomatica statunitense nella Federazione russa B. Gorman è stato convocato al ministero degli Esteri russo, e ha ricevuto una nota in cui annunciava che 10 dipendenti dell'ambasciata americana  Mosca sono state dichiarate 'persona non grata", ha fatto sapere Mosca aggiungendo che i 10 funzionari dovranno lasciare il Paese entro il 21 maggio.

La mossa di Mosca fa seguito alle sanzioni adottate dagli Usa contro la Russia per le interferenze nelle elezioni presidenziali del 2020 e il maxi attacco hacker, noto come SolarWinds (dal nome della società coinvolta), contro le agenzie federali. Tra le misure adottate da Washington c'è stata anche l'espulsione di 10 diplomatici russi.

Il discorso di Putin all'Assemblea federale
Le azioni ostili contro Mosca continuano, è "un nuovo tipo di sport prendersela con la Russia". Così il presidente russo Vladimir Putin all'annuale discorso all'Assemblea federale  A suo avviso, la Russia non vuole "abbattere i ponti" ma la sua politica non deve essere neppure sinonimo di debolezza.

La Russia risponderà ad eventuali "provocazioni" che mettano in pericolo la sua sicurezza "in modo asimmetrico, rapido e duro", ha dichiarato Vladimir Putin nel suo discorso. "Abbiamo pazienza, responsabilità, professionalità e buonsenso nel prendere decisioni" e "spero che a nessuno venga in mente di oltrepassare le linee rosse", e la Russia "decide da sola quali sono". Se questo dovesse accadere, ha aggiunto il capo del Cremlino, "lo rimpiangerete, come da tempo non vi capitava" di pentirsi di aver fatto qualcosa.

In Bielorussia "è stato tentato un golpe e c'era un piano per assassinare il presidente Alexander Lukashenko". "E nei cosiddetti paesi occidentali nessuno lo dice". lo ha detto Vladimir Putin nel discorso all'assemblea federale. 

Vladimir Putin ha esortato tutti i connazionali a vaccinarsi contro il Covid-19, "altra via non c'è" per vincere la pandemia. Il presidente russo ha previsto che
la Russia raggiungerà l'immunità di gregge "in autunno" 

Il presidente russo che oggi parla alle camere riunite del parlamento, ha detto che "tre vaccini affidabili" contro il nuovo coronavirus dimostrano il crescente potenziale scientifico della Russia Il discorso odierno, ha detto il presidente russo, sarà incentrato su questioni interne - sanità, politica sociale, economia - anche se, ha aggiunto, "bisognerà dire poche parole, letteralmente qualche parola sulla politica estera,  sulla sicurezza" del Paese. 

"Vediamo in che modo drammatico si sta sviluppando la situazione in molti Paesi dove il numero di contagi è in aumento", ha sottolineato il leader del Cremlino.Putin ha rivolto un appello ai connazionali a "non abbassare l'attenzione, prendersi cura di se stessi e rispettare il possibile tutte le raccomandazioni dei medici e dei servizi sanitari". 
Condividi